Italia bella, Mappamondo

Competitività, cerchi nel grano, unicorni e fate turchine

Voi italiani del primo XXI secolo, poverelli, siete gente un po’ depressa.
Come se non bastassero tutti i problemi che vi affliggono dalla notte dei tempi, adesso c’è anche questa brutta crisaccia economica cattiva a rendervi difficile il presente, e molto, molto nebuloso il futuro.

Per fortuna, avete a disposizione tutta una serie di importanti supporti psicologici. Avete ministri, capi di stato, economisti e banchieri che vi tranquillizzano sul fatto che in fondo al tunnel, a guardar bene, si cominci a intravvedere un po’ di luce.
Addirittura le grandi istituzioni economiche internazionali, che di solito vi bastonano con gran gusto, ultimamente non mancano di sventolarvi davanti al naso la carotina, dicendo che la ripresa, se proprio non sarà l’anno prossimo, sarà il seguente, o al massimo quello dopo.

Come sapete, io vivo nel futuro.
Sfortunatamente, non mi è concesso farvi rivelazioni. La cronopolizia da queste parti scherza pochissimo, e l’ultima volta che mi hanno beccato mi hanno sequestrato l’iGloo e conciato come il cappone per la Vigilia.

Cionondimeno, posso comunque provare a darvi una mano.
Non posso leggere gli astri per voi, ma posso almeno risparmiarvi la fatica di leggervi il “Global Competitiveness Report 2012-2013” pubblicato dal World Economic Forum.

Sono cinquecentoquarantacinque pagine, con un sacco di numeri e neanche una figurina. Con lo spirito di abnegazione che da sempre mi contraddistingue, perciò, io me le sono sifonate per voi, e ora ve le sintetizzo. Per le conclusioni, sono certo che potete fare da soli.

il report

(Qualcuno forse ricorderà che mi ero già lanciato in un’impresa simile con il “Travel & Tourism Competitiveness Report 2013“, in questo articolo. La cosa era stata gradita, per cui arieccomi qua.)

 
Il “Global Competitiveness Report” analizza la competitività di 144 paesi, il che in pratica significa tutti. Mancano all’appello San Marino, Monaco e Andorra, ma penso che a livello planetario ce ne si possa fare una ragione.

 
Ma che cos’è dunque questa famosa competitività?
In base alla definizione del World Economic Forum, è l’insieme delle istituzioni, delle politiche e dei fattori che determinano il livello di produttività di una nazione.

E la produttività è una cosa importante, perché definisce il livello di prosperità che può essere raggiunto da una nazione.
Il livello di produttività, inoltre, determina la rapidità con cui gli investimenti fatti da un paese rientrano e cominciano a dare frutti, e quindi in pratica indica il tasso di crescita a cui può tendere una nazione.
Quindi la competitività è importante perché un’economia più competitiva è un’economia che ha maggiori probabilità di sostenere la crescita.

Ora, sul fatto che la “crescita” sia una cosa bella a prescindere si potrebbe discutere a lungo. Generazioni di politici, imprenditori e cantastorie ci hanno ficcato in testa che crescere sia bello, giusto, furbo, e l’unico lasciapassare possibile per un futuro radioso.

Curiosamente, le cose stanno in modo abbastanza diverso.
In natura, le uniche cose che crescono indefinitamente sono i virus, le muffe, i tumori, e la rottura di scatole di chi segue le schermaglie della politica interna.
E tutti questi crescitori infaticabili (virus, tumori eccetera) finiscono inevitabilmente per morire nel momento in cui saturano il loro organismo ospite.
Crescere per crescere, insomma, non sembra affatto la chiave della felicità.

Ovviamente, non siete obbligati a credermi.
Se volete farvi un’idea da soli, potete dare una scorsa ai tre fondamentali saggi “I limiti dello sviluppo“, “Oltre i limiti dello sviluppo“, e “I nuovi limiti dello sviluppo” di Donella e Dennis Meadows, e Jorgen Randers. Sono un po’ i vangeli per questo tipo di argomenti, e se non avete tempo, potreste gradire la sintesi pirlografica che ne ho fatto io, qui e qui.

Tra l’altro, i titoli originali di quei tre testi sono in effetti “I limiti della crescita“, “Oltre i limiti della crescita“, e “I nuovi limiti della crescita“. “Crescita”, non “sviluppo”: non so se mi spiego. Eppure nella preparazione dell’edizione italiana, per qualche oscuro motivo, è stato commesso questo clamoroso errore di traduzione.

 
Ma non perdiamoci in dietrologie. Crescita o non crescita, la competitività resta comunque un indicatore interessante, in quanto sinonimo di vitalità, entusiasmo, convinzione, forza, reattività, e di numerose altre cose che lascio alla vostra fantasia esprimere a parole.

Andiamo quindi a vedere come il World Economic Forum classifica i vari paesi del mondo, e cerchiamo di capire se, come ci raccontano giornali e TV, noi italiani siamo davvero in odore di scudetto, o se piuttosto non ci stiamo disperatamente dibattendo in zona retrocessione.

 


NOTA IMPORTANTE: indipendentemente da come ho tradotto le varie definizioni (abbiate pietà di me), le classifiche sono strutturate in modo che nelle prime posizioni ci sono i paesi virtuosi, e in basso quelli messi male. Ad esempio, per la voce “Criminalità” essere al 1° posto significa essere un paese sicuro, mentre essere a fondo classifica significa essere sul set di Mad Max.

Detto questo, buona lettura.

 
Per proseguire, clicca più in basso sul numero di Pagina: 2 o 3.

Annunci

Discussione

14 pensieri su “Competitività, cerchi nel grano, unicorni e fate turchine

  1. Ribloggo immediatamente. GRazie per l’immane lavoro.

    Mi piace

    Pubblicato da Barney Panofsky | 10 ottobre 2013, 11:17 pm
  2. L’ha ribloggato su BarneyPanofskye ha commentato:
    Tre paginate di analisi sul rapporto mondiale sulla competitivita’. Un sentito ringraziamento ad AfterFindus per il lavoro veramente eccellente svolto, e un invito a qualsiasi politico incappi in queste pagine: cazzo, non devi fare altro che leggere li’ e tirarti due schiaffi nel muso dopo esserti sputato in mano. Perche’ molta della colpa di questa situazione e’ TUA.

    Barney

    Mi piace

    Pubblicato da Barney Panofsky | 10 ottobre 2013, 11:20 pm
  3. Aspettiamo il prossimo saggio:
    Incompetentività applicata.
    Sottotitolo: Come fare il peggio per tutti e ricavarne il meglio per sè stessi.
    Un saluto dal blog “rimedio-evo”

    Mi piace

    Pubblicato da Marcosclarandis | 11 ottobre 2013, 8:09 am
  4. Complimenti.
    Ora lo stampo e lo rileggo.
    Complimenti davvero.

    Mi piace

    Pubblicato da Daniele Vanoncini | 11 ottobre 2013, 7:22 pm
  5. Ecco, grazie. Adesso sì che sono depresso.

    Mi piace

    Pubblicato da Haldeyde | 11 ottobre 2013, 10:04 pm

Trackback/Pingback

  1. Pingback: Parlando del naufragio della London Valour (ovvero: il lento e inesorabile declino d’un paese che si bulla ancora d’essere nel G8) | crossing media - 11 ottobre 2013

  2. Pingback: Perche’ alle primarie votero’ Renzi | Del piu' e del Meno - 7 dicembre 2013

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto jene che chiedevano una sedia in prima fila)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: