(In)sostenibile, Afterfindus, Italia bella

Otto ottimi ottenebranti motivi per cui non dovreste assolutamente votarmi

Prima di tutto, ci tengo a tranquillizzarvi.
Non sono impazzito, non mi sono bevuto il cervello, non ho sniffato il Vinavil, non ho mangiato pesante. Sono perfettamente in me, e non ho la benché minima intenzione di darmi alla politica e di scendere in campo.

(A meno che, naturalmente, non si intenda il campo qui davanti a casa, nel quale anzi a minuti scenderò per fare Nordic Walking).

Però, giusto in caso un 767 decidesse di andarsi a schiantare sul Parlamento (ehi dell’ISIS, c’è nessuno in ascolto?), caso in cui a voialtri folla osannante potrebbe venire in mente di venirmi a strappare dalla mia stanza dei giochi per portarmi in trionfo verso i palazzi capitolini, voglio avvertirvi: attenti, pensateci bene.

Perché magari a vedermi così, dietro alla pagina di un blog, vi sembro una personcina ragionevole, a modino, lucido, tranquillo. Uno con cui si può discutere in modo costruttivo.
Ma non lasciatevi ingannare.
Tra le mie budella si annida una belva furiosa. Un estremista arrabbiato. Un solipsista delirante. Un dittatore feroce che non vi piacerebbe per niente.
Uno che non vorreste mai come governante.

 
E sapete perché?
Beh, lasciate che vi spieghi.

Non votatemi!

 
1. Perché per prima cosa metterei una sovrattassa di 20 euro sul prezzo di copertina di tutte le riviste di gossip del Paese.
Il gossip non ha altro scopo che distrarre, rincoglionire e atrofizzare l’intelligenza degli individui. E qualsiasi cosa abbassi l’intelligenza degli individui abbassa inevitabilmente la qualità di una democrazia, che non è altro che l’espressione della maggioranza di quegli individui (è aritmetica elementare).
Una società di idioti, cioè, per definizione non può produrre altro che una democrazia idiota.

(E allora perché non abolire il gossip del tutto, mi direte?
Beh, intanto perché, per quanto io sia feroce, uno scampolino di libertà mi piacerebbe lasciarvelo.
E poi, soprattutto, sarebbe inutile. Come dimostra il Secondo Principio dell’Antropotermodinamica, l’ascesa dell’idiozia umana è inarrestabile, incontenibile, ingestibile.
E, allora, perlomeno, che la si tassi.
Almeno servirà a qualcosa.)

 
2. Perché metterei al bando il gioco del calcio (giocato, commentato e moviolato) da tutti i canali radiotelevisivi in chiaro per almeno dieci anni, con eventualmente una settimana di sospensiva per i campionati mondiali e una per gli europei.

(E vedrai che così troveremo il tempo, l’energia e la motivazione per parlare di tutto il resto.)

 
3. Perché metterei una cauzione obbligatoria sulle bottiglie, le lattine, i sacchetti di nylon e tutta l’altra roba che la gente si diverte a buttare in giro.
Un esempio? Sovrapprezzo di 5 euro per ogni bottiglia (di plastica o di vetro, piccola o grande), per ogni tetrapak, ogni confezione di gomma da masticare, ogni bicchierino o tazzina o cucchiaino da gelato.
E 25 euro per ogni pacchetto di sigarette: 5 per il pacchetto, e 1 per ogni sigaretta.
Tutto restituibile al più vicino punto vendita.

(E poi vediamo se, di botto, non ci troveremo a vivere in un paradiso mastrolindico che in confronto la Svizzera è Calcutta.)

 
4. Perché altro che “diritto all’oblio”. Farei pubblicare su internet un elenco completo di tutti quelli che sono stati riconosciuti colpevoli al di là di ogni ragionevole dubbio di crimini a sangue freddo particolarmente vergognosi.
Quelli che hanno molestato bambini, che hanno scambiato soldi per violenza, che hanno inquinato di nascosto, che hanno smerciato cibi o farmaci scaduti, che si sono appropriati di beni destinati a gente più bisognosa di loro: diritto all’oblio un corno.
Pubblicherei i nomi, le foto, e l’ultimo indirizzo conosciuto.

Con gli orari consigliati per le visite.

 
5. Perché bandirei a vita da qualsiasi carica pubblica chiunque abbia infangato le istituzioni rubando, corrompendo e peculando.
E triplicherei le tasse a qualsiasi società che abbia la faccia tosta di annoverare tra i suoi soci o manager o dirigenti truffatori comprovati.

(A proposito deigli ultimi due punti: non è che io non creda nel pentimento e nel riscatto.
È che in una vita così breve privilegio l’onestà.
O forse, per dirla con le parole del noto teologo Terence Hill, perché “Dio perdona. Io no”.)

 
6. Perché alzerei alle stelle il prezzo della benzina e di qualsiasi altro combusibile fossile, indipendentemente da quanto lo facciano pagare gli sceicchi e gli altri trivellatori.
Un buon obiettivo potrebbe essere 1 litro di super = 10 litri di Dom Perignon.

(Poi vedrai come faranno presto a saltar fuori dalle segrete stanze delle multinazionali veicoli mirabolanti a impatto zero e prestazioni miracolose. Al prezzo di una Duna.)

 
7. E poi perché farei un brutto scherzo a tutti i vostri amici politici e politicanti e politofagi.
Li spiazzerei.
Gli leverei la terra da sotto ai piedi.
Gli capovolgerei l’universo.
Li farei sentire come gli indiani davanti alle prime caravelle.

Perché, in sostanza, proibirei la creazione di qualsiasi nuova legge, fino a che tutte le leggi già in vigore non siano state applicate, fatte rispettare, oppure cancellate.

(Un concetto più rivoluzionario del Big Bang, me ne rendo conto.
Toccherebbe cominciare a usare la testa.)

 
8. E infine, non dovreste assolutamente votarmi per il semplice fatto che, una volta eletto, farei un’altra cosa pazzesca.
Una roba che vi sbalordirebe, mio ingenuo elettorato.
Un atto che vi lascerebbe a bocca aperta.
Un exploit davvero mai visto prima.

E cioè: farei l’impossibile per mantenere i miei impegni.

Quindi, pensateci bene.

Annunci

Discussione

10 pensieri su “Otto ottimi ottenebranti motivi per cui non dovreste assolutamente votarmi

  1. Mi hai convinto: ti voto. Non solo perché sposo completamente il tuo programma (mi piaceva anche quello di Grillo e poi di Renzi e tutti e due mi hanno fregato), ma anche perché so che da sbronzo tu mantieni sempre le promesse. Perché tu eri sbronzo quando hai scritto il post, vero?

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da Haldeyde | 9 novembre 2014, 10:49 pm
    • Il termine “ottenebranti” è rivelatore, vero?
      In ogni caso, si trattava di Rosso Conero d’annata, allungato con il glicole dei siberini.
      Lo stesso cocktail che, a suo tempo, consigliai a Grillo e a Renzi. E al mullah Omar.

      Mi piace

      Pubblicato da niarb | 10 novembre 2014, 9:43 am
  2. Grande NIARB,

    malgrado il tuo programma elettorale aleggi come petalo di rosa sopra l’immenso letamaio della politica attuale, i tuoi sinceri ed innumerevoli ammiratori non ti voteranno mai.

    Non lo faranno perché non vogliono vedere il loro solo ed unico Niarb accusato aver rubato noccioline quando andava in oratorio. (E se non ci andava, resterà in detenzione preventiva il tempo per poterlo provare, al di là di ogni ragionevole dubbio)

    Non lo vogliono vedere trascinato in tribunale con l’accusa infame di aver condiviso il lecca-lecca con la compagna di classe della seconda B.

    Vogliono che possa andare a fare la spesa senza guardie del corpo e senza beccarsi un paracarro in faccia da parte di uno squilibrato.

    Non sopporterebbero di saperlo prostrato dinnanzi a un inquirente con l’accusa di incitamento alla prostituzione nei confronti dei bronzi di Riace.

    Ecco perché non ti voterebbero, se ti volessero bene.

    Dai retta, fai sparire questo blog, prima che un politico ti prenda sul serio e ti fotta i prossimi cinquant’anni di vita.

    Lunga vita a té.

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da viman | 11 novembre 2014, 5:52 pm
    • Caro Viman,
      non devi assolutamente preoccuparti.
      Oltre ai motivi elencati, infatti, ora che mi ci fai pensare c’è un’altra ottima ragione per cui non scenderò in campo.
      Mi rivolta infatti l’idea di, in omaggio ai costumi del tempo, dover obbligatoriamente partecipare a tutta una serie di programmi televisivi che, come semplice spettatore, molto semplicemente aborro. (Aborrisco? Arboreo? Arboreto?)
      Ci tengo, al mio fegato.
      Senza contare che, all’ora in cui vanno in onda, su RAI Cartoonito c’è invece una programmazione fantastica.

      Quanto alla compagna di classe con cui condividevo le piluccate (era effettivamente la seconda B, non so come tu faccia a saperlo, ma è esatto. Ma era al liceo) niente da dire: è passato un secolo, ma ne sono ancora orgogliosissimo.

      Mi piace

      Pubblicato da niarb | 12 novembre 2014, 10:39 am
      • Grazie per aver accolto il mio umile suggerimento.

        Sapessi che notte ho passato. Già ti vedevo crocefisso sulla piazza di Montecitorio, con una spugna imbevuta di fiele in bocca.

        Come sai, non possiedo televisore da oltre 15 anni pero’, da quello che sento dire, con un programma elettorale come il tuo, ti avrebbero invitato solo come zerbino ed avrebbero ricamato il tuo profilo sulle pattine per la cera delle donne della pulizia.

        Perdona per la classe -B-, le spie non sono più quelle di una volta. Comunque spero che tu ti sia fatto rilasciare una dichiarazione in carta da bollo nella quale la tua compagna attesta il consentimento e la maggior età. Con i tempi che corrono, non si sà mai.

        Grazie per avermi salvato il dito, vedro’ come trarne profitto. Comunque, mai in politica!!!!!
        Non ci crederai, ci sono entrato quando ero giovane ed inesperto. Diciotto mesi, il tempo di rendermi conto che era quello che pensavo: un gigantesco jacuzzi di letame.

        Buona giornata y un saludo desde Marbella.
        Hasta siempre,
        Olé !!

        Mi piace

        Pubblicato da viman | 12 novembre 2014, 11:42 am
        • Un politico uscito dal giro?!?
          Da non credere. Roba che in confronto disintossicarsi a San Patrignano è una passeggiata.
          Certo che hai un’esistenza piuttosto interessante, tu…
          Grazie per condividerla con noi!
          E un saludo desde Fiat Panda!

          Mi piace

          Pubblicato da niarb | 23 novembre 2014, 10:01 pm
          • Politico un corno !
            Ci sono entrato giusto per vedere come funzionava.
            Appena capito sono scappato.
            Adesso pero’, quando insulto un politico, so’ perché.
            Piccole meschine soddisfazioni della vita.

            Liked by 1 persona

            Pubblicato da viman | 25 novembre 2014, 12:10 pm
          • Quando insulti un politico sai perché.
            Oh, come ti capisco. Io, per lo stesso meccanismo, a volte ho l’impulso di bestemmiare.

            (E’ una battuta. Chi la capisce dopo oltre 120 secondi si consideri pure senza speranza.) 🙂

            Mi piace

            Pubblicato da niarb | 26 novembre 2014, 1:19 pm
  3. Maledizione, nell’enfasi del momento ho scritto “ammiratoti” al posto di ammiratori.!!
    Saro’ mai perdonato?
    Domani mi seghero’ il dito medio.

    Mi piace

    Pubblicato da viman | 11 novembre 2014, 10:29 pm

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

warnoter

L‘insostenibile leggerezza dell'essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto bulbi che piangevano rugiada bicolore)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: