Italia bella

Il rap della disoccupazione

(Rap moderato, del tipo “tum-cha, tu-tum tum cha”. Ruotare di 180 gradi il berretto prima di cominciare)

 
Oggi vi vorrei parlare di disoccupazione
Che così mi metto in pari con la televisione
Che quando tu l’accendi, o apri un giornale
C’è sempre qualche gufo che dice che va male.

C’è chi perde il lavoro, e in questo caso è un dramma,
Se chi perde il lavoro è anzianotto o babbo o mamma
Ma quello che sul serio mi fa sversare bile
È quando si sproloquia del problema giovanile.

Perché tutta questa gente che si straccia le vesti
E che dice che in Italia non ha senso che ci resti
Ai ragazzi di sicuro non fa un gran favore
(Anzi se fosse Bin Laden si direbbe “fa terrore”).

Invece gli editorialisti e anche il telegiornale
Pare proprio che ci godano a farsi (e farci) male
E a ripetere instancabili come un disco rotto
Che ogni giorno le statistiche tiran sempre più sotto.

Come una profezia che se la dici allor si avvera
Questa storia che il lavoro è tout-court una chimera
Spande sopra ai giovani una cappa di umor nero
E finisce che il lavoro non lo trovano davvero.

rap disoccupazione

Io conosco invece molte aziende e molte compagnie
Che per certe competenze sono pronte a far follie
Che ricercano per anni, spesso con disperazione
Sbarbatelli da assumere e far montar sul carrozzone.

Sì, hai capito bene, non sto dando di matto
Non è poi così impossibile trovare un buon contratto
In tanti settori, diversi e interessanti
Dove è un lampo far carriera e spesso i soldi sono tanti.

Sviluppatori web, programmatori Java
Gente che coi PC e con la rete se la cava
Esperti di intranet e di banche dati
Non se ne è visti mai restare disoccupati.

E aggiungo addetti a temi di area commerciale
Capaci di usar internet e software gestionale
Che non si spaventano a viaggiare ogni mese
E che, molto importante, fan scintille con l’inglese.

 
Ma anche gli infermieri son da sempre ricercati
Per cliniche, ospedali e centri pubblici e privati
Perché medici e chirurghi senza il loro apporto
Sono altrettanto utili di navi in aeroporto.

E poi i sempreverdi, i sempre gettonati
panettieri, sarti, idraulici, produttori di gelati
Insieme alle estetiste, nuova generazione
Di quelli che fan soldi fitti con la professione.

Tutta gente ve lo giuro che non resta a lungo a spasso
Che non sta sotto un ponte ma anzi sopra a un materasso
Che i cacciator di teste e chi fa collocamento
Scambian come centravanti (o come voti in Parlamento).

 
E nota che non parlo di mestieri di letame
Come fare il minatore o il ginecologo per rane
Non è stare in fonderia o a sturar cessi di prigione
O masturbare i tori per l’inseminazione.

Sono tutte cose trendy, divertenti da fare
Che se le fai per hobby sei disposto anche a pagare
Pensa un po’: surfare in rete, e creare siti
Non è certo sputar sangue o martellarsi i diti.

E anche i paramedici, non son vuotapadelle
Ma gente il cui lavoro è celebrato dalle stelle
E non Sirio né Andromeda, parlo di vere star
Tipo quelle di Scrubs, Gray’s Anatomy e E.R.

Molti mestieri ispirano, oggi più che mai:
Dagli stilisti i sarti, da Banderas i fornai
E infine gli idraulici, scusate se è poco,
Da Mario Bros. in poi son anche eroi da videogioco.

 
Insomma se i politici, i saggisti e ogni giornale
La piantassero di dire che va sempre tutto male
Che il paese è in ginocchio, che la situazione è pesa
E a indicar della statistica solo il lato giù, in discesa.

Se usassero invece la loro forza dirompente
Per ribadire tutti i giorni il messaggio più importante
E dire: “Ehi ragazzi niente angosce, niente pianti
Ma non mirate solo a esser veline o centravanti.

Eccovi una bella lista di mestieri di successo
Leggetela e scegliete, ma fatelo adesso

(Rallenta il ritmo)

Poi dedicatevi col cuore a quella professione

(Tum, cha, tu-tum tum cha)

E la metterete in culo alla disoccupazione.”

 

Annunci

Discussione

10 pensieri su “Il rap della disoccupazione

  1. L’ha ribloggato su BarneyPanofskye ha commentato:
    Questo post rap di AfterFindus cade a fagiUolo proprio il giorno della manifestazione d’aa Cigielle. Bello!

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da Barney Panofsky | 25 ottobre 2014, 6:59 pm
  2. Posso dire solo: finalmente! E’ dai tempi dell’ode alla Gea che non ti vedevo esibirti con le rime. Ragazzi, parliamo di trenta e passa anni fa!

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da Haldeyde | 25 ottobre 2014, 9:52 pm
  3. hahahahahahahhahahahaha!!!! e adesso musica!!!

    Mi piace

    Pubblicato da lesbabiones | 31 ottobre 2014, 1:08 pm
    • Sì, per amor di libertà di banda lascio ad Hal l’ultima rima. L’ultima volta che abbiamo fatto un giochino del genere, rilancia te che rilancio io, era un ferragosto al mare di molti anni fa. Gli amici ci fecero smettere a sberloni perché non si erano portati dietro le gomme da neve. Non so se mi spiego.

      Mi piace

      Pubblicato da niarb | 3 novembre 2014, 2:05 pm
  4. e a proposito di questo (e molto altro) The Guardian fa un’analisi in cui la nostra ignoranza nazionale è come sempre al top della hit: http://www.theguardian.com/news/datablog/2014/oct/29/todays-key-fact-you-are-probably-wrong-about-almost-everything

    Mi piace

    Pubblicato da lesbabiones | 3 novembre 2014, 12:09 pm

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto bulbi che piangevano rugiada bicolore)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: