EgoNomia, Mappamondo

L’ottava perla


Questa è la seconda e ultima parte dell’articolo “Cari extraterrestri (ovvero: Come costruire un impero in 7 semplici mosse)“.
Se non l’hai letto, forse è meglio partire di lì.

 


 

Cari amici alieni, siamo certi che la strategia in sette passi che vi abbiamo illustrato nella Parte 1 di questo messaggio intergalattico sia riuscita a trasformarvi nell’enclave più ricca e potente del vostro pianeta.

Come ricorderete, vi abbiamo spiegato come prelevare denaro dalle tasche dei vostri concittadini per depositarlo nei conti correnti delle vostre aziende private.
E vi abbiamo insegnato a farlo in modo non solo perfettamente legale, ma addirittura sotto le bandiere dell’altruismo internazionale e della cooperazione “umanitaria”.

(Umanitario, ora lo capite, non è un termine tirato a caso. Eh eh eh, noi umani siamo decisamente delle sagome.)

Infine, abbiamo chiarito come essere ricchi significhi automaticamente essere potenti, perché in veste di creditori internazionali potrete pretendere dagli stati “aiutati” le concessioni più fantasiose.

 
Notate che tutto questo baraccone del libero mercato e della cooperazione internazionale funziona in modo così esemplare perché di fatto viaggia a doppia velocità. Da un lato fa arricchire voi, dall’altro fa impoverire gli altri.

In altre parole, accumulare denaro pubblico in conti correnti privati è solo una faccia della medaglia. L’effetto parallelo, ugualmente desiderabile, è l’impoverimento pilotato di paesi altrimenti sani.

Infatti, ricordate quanto ci siamo detti sulla cacca delle mucche? Anche per le nazioni è esattamente la stessa cosa: senza un nutrito esercito di poveri e disperati su cui far conto, nessuna economia degna di questo nome può prosperare.

Ecco come funziona.

imperufo650

 
Quando un paese sovrano commette l’errore di accettare un prestito internazionale fa lo stesso errore di quegli sprovveduti pieni di debiti che si rivolgono a uno strozzino. Non si rende conto, cioè, che il prestito non è che il primo passo di un’inevitabile spirale di interessi crescenti, richieste impossibili, minacce, ricatti, e ulteriori indebitamenti che alla fine portano il debitore all’autodistruzione.

I paesi “aiutati”, infatti, per riuscire a ripagare il debito (o anche solo i suoi interessi) si vedono costretti a mettere insieme ingenti quantità di denaro in tempi brevissimi. E questo si può ottenere solo alzando le tasse e tagliando alcuni servizi.

Per voi prestatori si tratta di un’ottima notizia: togliendo soldi ai lavoratori e privandoli di alcuni servizi gratuiti otterrete automaticamente la produzione di una classe di poveri e disperati, che prima ovviamente non c’erano.

Ma si può fare di meglio. Di solito aumentare le tasse e chiudere qualche ospedale non è sufficiente. Bisogna continuare a tagliare.

(Per la cronaca: “tagliare” è un termine fuori moda. “Attenersi a una politica di rigore e austerità” è molto più sexy.)

 
Di solito il secondo giro di vite prende di mira scuola, università e ricerca scientifica, astutamente considerate voci di bilancio “non di sopravvivenza”.
Un’altra ottima notizia. Con questi tagli, infatti, si segano definitivamente le ginocchia al paese obiettivo, perché senza un efficace sistema di istruzione pubblica e di ricerca di base si preclude matematicamente qualsiasi possibilità di riscatto futuro.

Che cosa mai potrà succedere, allora?
Facile: crescerà la disoccupazione, l’inflazione andrà alle stelle, la borsa adotterà un andamento schizofrenico, i telegiornali cominceranno a parlare di spread, e monterà la tensione sociale.
Nel giro di pochi anni, quello Stato entrerà ufficialmente nella lizza dei paesi del terzo mondo – recentemente ribattezzati (che fa molto più ridere) paesi “in via di sviluppo”.

(Fa ridere, perché in effetti dovrebbero essere chiamati “paesi che sono stati sbattuti via dallo sviluppo”. E a calci nel coccige.)

 


 

8Ma eccoci al dunque. Questo meraviglioso sistema ha un punto debole.
Come ricorderete, nel messaggio precedente la perla numero 4 diceva “Aspettate pazientemente che uno Stato straniero abbia bisogno di un prestito”.
Bene. E se questo non accade?

D’accordo che, come diceva San Mick Jagger, “il tempo è dalla nostra parte”, ma perché aspettare seduti sulla riva del fiume, quando potrebbe bastare una piccola spintarella per vedere immediatamente il cadavere del nostro avversario galleggiare placido verso il suo destino?
Perché sprecare tempo aspettando una ricchezza che è già lì, e implora solo di essere colta?

 
Altro che aspettare. Mettete subito in atto il Piano A.

PianoASpedite nel paese-bersaglio degli appositi specialisti, che potrete a vostra scelta chiamare “economisti”, “consulenti”, o più ironicamente “organizzazioni umanitarie”.
Questi esperti avranno il compito di incontrare i governanti locali per convincerli ad accettare il programma di aiuti (il famoso prestito iniziale).

A volte potrà capitare che tali governanti possano mostrarsi recalcitranti, se non decisamente avversi, all’idea di indebitarsi.
In tal caso, i consulenti avranno mandato per ricoprirli d’oro, loro e i loro discendenti.
Niente di meglio di una famiglia favolosamente ricca alla guida di un paese favolosamente povero per assicurarsi riconoscenza e lealtà imperiture.
(Con le dittature si ragiona tradizionalmente bene, cari marziani. Obiettivi chiari, bisogni semplici, decisioni rapide. Con le democrazie invece non la si finisce più di blaterare.)

 
Se però vi doveste trovar di fronte un nazionalista fanatico, testardo e incorruttibile, sarà necessario ritirare i consulenti e lanciare il Piano B.

PianoBIl piano B si può sintetizzare in: “Peggio per te. Potevi diventare ricco. Adesso invece diventi morto”.
Per un buon piano B ci si può affidare alla mano d’opera locale, oppure si possono mettere in campo i propri specialisti.
Un rapido colpo di stato, un incidente d’auto, un aereo che cade, un proiettile vagante, una meringa avvelenata e oplà, il problema è rimosso.

E una volta in carica il sostituto del caro estinto, potrete ricominciare le trattative e ripartire dal Piano A.

 
Se poi, infine, anche il Piano B dovesse fallire, niente panico. Il Piano C è una certezza.

PianoCIl piano C, è quasi superfluo ricordarlo, è l’esercito.
Sarà sufficiente inventarsi un qualche pretesto (documenti photoshoppati, armi di distruzione di massa invisibili, risaie scambiate per campi di addestramento per terroristi, e al limite un attentatino autoprodotto) e il più è fatto. A questo punto basterà dare la molla ai droni, paracadutare qualche migliaio di ragazzoni armati fino ai denti… e lasciare che la natura faccia il suo corso.

L’esercito va, bombarda, distrugge, rade al suolo, e nel giro di poche settimane il territorio di quella canaglia di uno stato che non aveva voglia di partecipare al vostro libero mercato verrà meticolosamente ridotto ad una splendida tabula rasa, su cui avviare una lucrosa ricostruzione.

 
Il piano C, va detto, costa un po’ di più. Anche in termini di vite umane (o, nel vostro caso, aliene).
Ma questo per fortuna è un problema quasi completamente circoscritto alle unità civili. Niente di cui preoccuparsi.

In compenso, è un piano che piace moltissimo alle aziende produttrici di armamenti, che apprezzano sempre molto chi le aiuta a svuotare i magazzini.
E piace tantissimo anche alle compagnie a cui verrà appaltata la ricostruzione.
In ogni caso, insomma, aspettatevi una tangibile riconoscenza.

 


 

Alieno spark2Concludendo, cari amici extraterrestri, noi potenti di questo pianeta non vediamo l’ora di intrattenere con voi interessanti rapporti commerciali.
Auspichiamo con tutto il cuore (e tutto il portafoglio) che vogliate rapidamente adattare le vostre modalità operative al nostro redditizio e infallibile sistema di libero mercato.

Come diceva infatti Carroccio Siffredi, la famosa pornostar leghista, “i rapporti migliori sono quelli che hai con gente della tua stessa razza”.

Approfittiamo infine di questa amichevole chiaccherata per chiedervi se avete pensato ad assicurarvi contro i rischi da parcheggio del disco volante in area pubblica.
Come saprete, per quanto si dia da fare, il nostro governo non riesce a controllare tutti i criminali e gli esaltati che ci sono in giro. Ogni giorno i giornali raccontano di astronavi aliene danneggiate, o rubate, o misteriosamente esplose nel corso della notte.
Per queso motivo siamo lieti di offrirvi a tariffa d’occasione il nostro pacchetto di protezione Kasko Interplanetar 24 ore su 24, che comprende anche servizio di scorta ed eventuale sostentamento dei vostri familiari in caso a voi succedesse qualcosa di spiacevole.

Certi di una vostra pronta adesione, ci permettiamo di allegare alla presente l’IBAN di riferimento.
E, nell’attesa, baciamo i tentacoli.

 

Ispirato da una infinità di libri, articoli, documenti e documentari. Tre su tutti: “La globalizzazione e i suoi oppositori”, di Joseph Stiglitz (2002); “Confessioni di un sicario dell’economia”, di John Perkins (2004); “Shock economy”, di Naomi Klein (2007).

Annunci

Discussione

6 pensieri su “L’ottava perla

  1. Bel post, mi piace! 🙂

    Mi piace

    Pubblicato da Misterkappa | 30 aprile 2014, 12:00 pm

Trackback/Pingback

  1. Pingback: Cari extraterrestri (ovvero: Come costruire un impero in 7 semplici mosse) | afterfindus - 30 aprile 2014

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
angolo del pensiero sparso

voli pindarici sulla caleidoscopica umanità

La Volpe Spettinata

TUTTI I GIORNI UN NUOVO ARTICOLO!

{Judith Laughs Loudest}

[Pensieri (tra parentesi)]

Nosce Sauton

I pensieri, condivisi dai più saggi nel corso delle loro vite, vengono pubblicati ogni giorno alle 08:08. Per non perderli iscrivetevi al blog o alla mailing list in fondo alla pagina, oppure salvate la pagina tra le preferite.

un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

warnoter

L‘insostenibile leggerezza dell'essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: