EgoNomia, Mappamondo

There’s prosciutto on your eyes, babe

John: “E quindi mi state chiedendo di lavorare per voi. Ma voi chi siete, esattamente?”

Claudine: “Siamo un piccolo club esclusivo. Siamo pagati – profumatamente pagati – per rubare miliardi di dollari ai paesi di tutto il mondo. Il tuo lavoro consisterà principalmente nel convincere i governanti dei paesi in cui ti manderemo a entrare a far parte di una vasta rete che favorisce gli interessi commerciali degli Stati Uniti.
Se sarai abile, questi leader resteranno intrappolati in una trama di debiti che ci garantirà la loro fedeltà. Potremo fare affidamento su di loro in qualunque occasione, per soddisfare le nostre esigenze politiche, economiche o militari. […] E intanto, i proprietari delle aziende americane che partecipano al nostro gioco si arricchiranno enormemente.”

John: “E abbiamo un nome?”

Claudine: “Tra di noi amiamo chiamarci sicari dell’economia. Ma è un nome che non sentirai tanto spesso.”

 
Jack Axe

(Cala il sipario sul giovane John e sulla bellissima Claudine.
Sullo sfondo partono immagini di Ecuador, Indonesia, Panama, Arabia Saudita, Iran, Colombia.
John volontario tra gli indios, John in piscina in alberghi di lusso, John a colloquio con capi di Stato, John nel suo ufficio in un container, John a letto con donne mozzafiato.
Poi una rapida successione di loghi: Nike, General Motors, Monsanto, Wal-Mart, Coca Cola, McDonald’s…
E infine scene di piazza, dimostrazioni, sommosse, vetrine infrante. E in un continuo crescendo attentati, automobili esplose, aerei schiantati, funerali di Stato, sparatorie, invasioni, soldati, bombardieri.

Di colpo, si accende un riflettore che inquadra John, solo, sul palco.
Ha almeno vent’anni di più, uno sguardo più duro, e una strana aria a metà fra triste, colpevole e imbarazzato. Ma è molto, molto determinato.)

 
“I sicari dell’economia sono professionisti ben retribuiti che sottraggono migliaia di miliardi di dollari a diversi paesi in tutto il mondo. Riversano il denaro della Banca Mondiale, dell’Agenzia Statunitense per lo Sviluppo Internazionale (USAID) e di altre organizzazioni ‘umanitarie’ nelle casse di grandi multinazionali e nelle tasche di quel pugno di ricche famiglie che detengono il controllo delle risorse naturali del pianeta.
I loro metodi comprendono: falso in bilancio, elezioni truccate, tangenti, estorsioni, sesso e omicidio.
Il loro è un gioco vecchio quanto il potere, ma che in quest’epoca di globalizzazione ha assunto nuove e terrificanti dimensioni.
Io lo so bene: io sono stato un sicario dell’economia.”

 

(Ehi, comincia ad attizzarvi questa storia, vero?
Ma cos’è? Una favola? Un documentario? Un manifesto? Un tazebao? Una metafora?
Non sarà un romanzo di John Le Carrè?)

 

“Questo non è un romanzo. È la storia, vera, della mia vita.john-perkins1
Un editore coraggioso […] ha accettato di aiutarmi a raccontarla.
Perché questa storia deve essere raccontata.

 

(Proprio così. E’ un’autobiografia.)

 

[…] La mia storia di sicario dell’economia è la storia del modo in cui siamo arrivati fin qui e del motivo per cui stiamo vivendo crisi che sembrano insormontabili.
Questa storia va raccontata perché soltanto comprendendo i nostri errori passati saremo in grado di cogliere le opportunità future; perché c’è stato l’11 settembre e la seconda guerra in Iraq; perché quell’11 settembre 2001 oltre alle 3.000 persone morte per mano dei terroristi, altre 24.000 sono state uccise dalla fame e dalle sue conseguenze, e altrettante ne muoiono ogni giorno perché non hanno di che nutrirsi.
E soprattutto va raccontata perché oggi, per la prima volta nella storia, una singola nazione ha la possibilità, il denaro e il potere per cambiare tutto ciò.
È la nazione in cui sono nato e che ho servito come sicario dell’economia: gli Stati Uniti d’America.

[…] È la mia storia personale, che allo stesso tempo si è svolta entro il contesto più ampio degli eventi mondiali che hanno forgiato la nostra storia, portandoci al punto in cui siamo oggi e creando le basi per il futuro dei nostri figli.”

 

(Potrebbero sembrare le avventure di James Bond riviste da Dan Brown, disegnate da Andrea Pazienza e spruzzate da un po’ di Michael Moore. E invece sono quelle del signor John Perkins, economista, finanziere, imprenditore e avventuriero, faticosamente messe per iscritto (dopo anni di ripensamenti) nel 2004.
Sconvolgenti. Appassionanti. Straordinarie.

E, soprattutto, verissime.)

 

“Alcuni attribuiscono i nostri attuali problemi a un complotto organizzato. Magari fosse così semplice! I membri di una congiura si possono estirpare e assicurare alla giustizia.
Questo sistema, invece, è alimentato da qualcosa di ben più pericoloso di un complotto.

[…] Persone come me guadagnano stipendi scandalosamente alti per fare il gioco del sistema.
E se perdiamo colpi, entra in azione una forma più maligna di sicario, lo sciacallo. Gli sciacalli sono sempre lì, in agguato nell’ombra. Quando spuntano fuori, i capi di stato vengono rovesciati o muoiono in ‘incidenti’ violenti.
E se per caso lo sciacallo fallisce, come è accaduto in Afghanistan e in Iraq, allora si rispolverano i vecchi modelli, e la palla passa all’esercito. Giovani americani vengono mandati in giro per il mondo a uccidere, e a morire.”
 
Jack killer

(Esiste una sottile linea di confine che separa chi si è tolto il prosciutto dagli occhi da chi continua a vivere all’ombra delle vecchie favole – i buoni, i cattivi, i ricchi, i poveri, le leggi, gli Stati, le guerre sante, la democrazia, le crisi economiche, le missioni umanitarie, e tutte quelle robe lì.

Togliersi il prosciutto dagli occhi non significa far rivoluzioni, cambiare la storia, o raddrizzare tutte le storture del mondo.
Ma una società di individui informati e consapevoli è l’unico punto di partenza possibile per immaginare (e poi, si spera, realizzare) un futuro migliore.
Una società di zombie miopi e anestetizzati non potrà mai cambiare quello che non vede.)

 

“Negli ultimi anni il divario tra i paesi più ricchi e quelli più poveri è aumentato in modo vertiginoso, e anche all’interno dei cosiddetti paesi ricchi il reddito complessivo è sempre più alto, ma in mano ad un numero sempre più ristretto di persone […].
Gli Stati Uniti spendono oltre 87 miliardi di dollari per portare avanti la guerra in Iraq, mentre le Nazioni Unite stimano ne basterebbe meno della metà per fornire acqua potabile, un’alimentazione adeguata, servizi igienico-sanitari e istruzione di base a ogni individuo sul pianeta.

E ci chiediamo come mai i terroristi ci attaccano?”

 

(Se avete giù letto questo libro, rileggetelo. E magari consigliatelo in giro.
Se non lo avete mai letto, se non leggete molto, e anzi se quest’anno avete deciso che leggerete al massimo un libro, fatevi un regalo.
Fate in modo che sia questo.)

John Perkins, “Confessioni di un sicario dell’economia”, 2004.

 

Annunci

Discussione

2 pensieri su “There’s prosciutto on your eyes, babe

  1. Niarb uno e trino, bentornato.
    Però, potevi tornare con una buona novella. Accidenti, dopo aver letto il riassunto di quello che racconta questo signore viene voglia di buttarsi nella Fossa delle Marianne con una macina da mulino al collo.
    Oggi é domenica, ma domani vado a cercare il libro e la macina, poi ti farò sapere.
    Certo che però, un dubbio sorge legittimo: “Se é vero che 316 milioni di americani furbacchioni sodomizzano metodicamente 6.680 milioni di poveracci, non sarà che i poveracci sono veramente pirla?”

    Mi piace

    Pubblicato da viman | 26 gennaio 2014, 6:42 pm
    • Guarda, è stato un periodo kafkiano. A causa di un baco nell’ultimo aggiornamento del sistema operativo della mia macchina del tempo, tutti i post delle ultime settimane sono finiti, anziché su questo blog, tra le iscrizioni del frontale di un tempio ancora non scoperto nella zona di Agrigento.
      Bah. Saranno cavoli per i vostri archeologi.

      Quanto al libro di Perkins, nessun motivo di tristezza.Au contraire.
      Io sarei triste e sconsolato se pensassi di vivere in un mondo crudele dominato dalle ciniche regole del caso, o (ancora peggio) da una oscura e sadica regìa di una qualche divinità bastarda.

      Invece non è così. Tutto quello che succede (tranne forse qualche evento naturale) è la puntuale realizzazione di precisi disegni umani.
      Se c’è gente che fa la fame, gente che combatte, gente che sgobba, e gente che se la spassa alla grande (…hai visto “The wolf of Wall Street?” Intendo roba del genere), non è colpa di nessun insindacabile destino né di qualche dio burlone.
      Sono tutte scelte precise. Nostre.
      Ecce homo.
      Quindi, hip hip hurrà.

      (Poi, sulla pirlaggine dei più, potremmo aprire un dibattito. Anzi, forse dovremmo.) 😉

      Mi piace

      Pubblicato da Niarb | 27 gennaio 2014, 2:11 pm

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto lama che danzavano sputando latte e miele)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: