Umanamente

La cinese digitale

Cinese digitaleLa cinese digitale l’ho incontrata la settimana scorsa in aereo.
Che poi non sono mica sicuro che fosse davvero cinese. Magari era una di Cesano Boscone che ci ha dato dentro col botox, o una nana di Oslo che si era ingoiata un paio di limoni scambiandoli per babà. Ma a me sembrava cinese.

Era una donnina piccola, secca secca, coi piedi minuti e col naso perennemente schiacciato sull’ampio display di una macchina fotografica di ultimissima generazione.
L’ho incontrata sulla scaletta dell’aereo, anzi l’ho urtata. Siera fermata improvvisamente per fotografare il muso del velivolo. Un vecchio cesso di City Hopper che non avrebbe fotografato neanche sua madre.

Tre passi più in su, ha fotografato lo stewart che le indicava il posto a sedere, poi il corridoio, e poi il numero del poggiatesta di fronte a lei.
Visto che era un volo corto, ci hanno portato subito le bibite e i salatini. E lei li ha fotografati.
Poi ha fotografato il coppino della hostess che andava via, e il sacchetto portavomito.

Sette foto. In neanche un quarto d’ora.
Io ero nel sedile di dietro, e ho visto tutto.
E ho visto, soprattutto, quello che ha fatto dopo.

 
Dopo è andata a controllare. E’ andata a vedere se le sue foto erano piaciute a qualcuno, e se c’erano dei commenti. Perché la macchina fotografica iperfiga della cinese digitale era di quelle che appena fai una foto la sparano immediatamente su Facebook, con ora, minuto e secondo dello scatto, e naturalmente le coordinate geografiche.
E la cinese digitale era evidentemente ansiosissima, poverina, di raccogliere consensi dalla community dei suoi amici. Mi avranno letto? Mi avranno taggato? Mi avranno detto “Mi piace”, o comunque si dica in quel loro cavolo di lingua strascicata?

Perché lei, pover’anima, di messaggi ne ha lanciati. Guarda che bei salatini, guarda che bella hostess (cioè, di faccia è carina, voi le vedete solo la nuca ma fidatevi), guarda che bel sacchettino che ho, casomai mi venisse in mente di stracciare.

 
E allora a me, guardandola, si è sturata la valvola cosmologica.
Seduto lì, con un’arachide bloccata tra gli incisivi, ho visualizzato milioni di miliardi di flussi di dati perfettamente inutili che si avvitano nell’aria, e finiscono ordinatamente a ricomporsi negli spazi infiniti di un sistema virtuale meravigliosamente avanzato, per trasmettere potenzialmente a miliardi di individui il loro prezioso messaggio di nulla assoluto. Ma in altissima risoluzione.

Ho provato a immaginare la cinese digitale di fronte alla Pietà Rondanini, al David di Piazza della Signoria, davanti al Golfo di Positano, sulla cima del Monte Bianco, sulla spiaggia rosa di Budelli. Clic, clic, clic.
E poi davanti al menù di una pizzeria, nella sala d’attesa del capolinea delle corriere, nel cesso di un’ipercoop: clic, clic, clic, uguale.

Cacchio, quanti clic hai fatto in questa vacanza? Quanti terabyte hai condiviso, e con quanta gente? E non è che per caso anche loro stavano facendo la stessa cosa? Giravano il mondo immortalando, virtualizzando, condividendo?
E ora, cosa farete, tutti quanti? Le foto di chi di voi guarderete per prime? E come distinguerete i grandi momenti dalle boiate, e dalle ore di noia? Come separerete i capolavori dalle minchiate?
E, soprattutto, di quante altre vite avrete bisogno per provare a dare un senso a questa qua?

(Fare una foto è un attimo. Scrivere un commento, anche a banana, ci vuole di più. Per perder tempo a taggare, poi, bisogna essere malati. O in galera.)

 
Ho guardato per un pezzo il coppino della cinese digitale. E le sue dita mica tanto giovani che armeggiavano con il display. Touch. Oh yeah.
E mentre la valvola cosmologica, lentamente, mi si richiudeva, ho pensato che se in quel momento, proprio lì, fosse venuta a sedersi di fianco a me una medusa proteiforme multilimbica del pianeta Orione, forse ci avrei trovato più cose in comune. Forse sarei perfino riuscito a parlarci.
Con la cinese, impossibile. Non ho abbastanza pixel.

 
Nel frattempo l’aereo è atterrato. Mi sono alzato, ho preso la mia clava, la mia pelle di mammuth e il mio cesto di ossidiane, e sono sceso senza neanche guardarla.
Il dinosauro mi aspettava nel parcheggio.

Annunci

Discussione

6 pensieri su “La cinese digitale

  1. Sul display del mio NOKIA possono comparire 2 alla 65536esima immagini differenti, inrigoroso bianco e nero.
    Circa 10 alla 21.000.
    Cent’anni di vita sono circa tre miliardi di momenti, altrimenti chiamati secondi dai fisici.
    Questi due soli numeri, tre miliardi, e 10 alla 21.000 e la loro quasi inimmaginabile sproporzione, mi portano a preferire l’immortalamento di non più di qualche dozzina d’immagini all’anno.Immortalarne di più sarebbe solo togliere tempo a questa vita già abbastanza sfuggente.

    Marco Sclarandis

    Mi piace

    Pubblicato da sclarandis | 1 dicembre 2013, 10:18 pm
  2. Per gli asiatici, il concetto di “vita breve” non esiste. Loro contano sulla reincarnazione.
    Con un po’ di fortuna, la cinese si reincarna in una macchina fotografica.

    Mi piace

    Pubblicato da viman | 2 dicembre 2013, 11:11 am
  3. Richiudi la tua valvola cosmologica e stai tranquillo che non appena mi avranno sostituito il modem clicchero’ “mi piace” a questo divertentissimo post.

    Mi piace

    Pubblicato da haldeyde | 4 dicembre 2013, 5:06 pm

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto jene che chiedevano una sedia in prima fila)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: