Afterfindus, Mappamondo

Noche de pasión

Oggi mi permetto un aneddoto del tutto personale. Un piccolo episodio che non sposterà l’asse terrestre nemmeno di un capello.
Ma è andata più o meno così: scavavo intorno all’igloo per piantare po’ di lattuga iceberg, e ben incastonato nel ghiaccio mi sono ritrovato sotto al piccone un antico diario di viaggio di un mio lontano bis-bis-bis-bisnonno.

E’ quindi un racconto che risale a svariati secoli fa, a un’epoca remota in cui il bis-bis aveva vent’anni, e talvolta veniva folgorato da idee particolarmente brillanti del tipo: dài, quest’estate niente mare.

Mi faccio un trekking in Nepal.

Nepal-ascend 3

 
Occhei. E’ colpa mia.
L’inverno scorso ho sottovalutato la cosa, e adesso posso solo prendermela con me stesso.
Eppure è semplice. Bastava fidarsi: tutti i libri e le guide di questo mondo hanno ragione: in Nepal, in agosto, ci sono i monsoni.

Oggi ne ho avuto la prova ontologica: dieci ore di marcia, su per una salita che a casa non avrei affrontato neanche in funivia, sotto scrosci di pioggia intermittenti che, dopo averti bagnato fin nei recessi più intimi, ti dilavano via anche il buonumore.
Dieci ore a marciare sotto al peso dello zaino, piegato come un Crumiro di Casale (nel senso di biscotto, non di operaio). Dieci ore ogni tanto a fermarsi per togliersi le sanguisughe di dosso, che loro invece nel monsone si divertono un sacco. Dieci ore a chiedermi perché, come ogni ventenne normale, non sia anch’io a rosolarmi su qualche spiaggia greca, o a stordirimi di margaritas in una discoteca di Ibiza, o a fare la lambada strofinera in qualche bagno di Riccione.

E soprattutto non qui, a sudare come un mulo su per le pendici ripide e fangose dell’Annapurna IV.

 
Intorno alle cinque di pomeriggio il capo sherpa alza la mano e segnala nel suo inglese tattico: dormiremo qui.

Qui è un posto che ha dell’incredibile. Sembra una specie di baracca delle piadine centrata da uno Scud israeliano.
C’è scritto “Lodge”, fuori, “locanda”. Moh. A me sembra più un mucchio di assi che un alieno cocainomane ha depositato con precisione millimetrica sul ciglio di un precipizio spaventoso.
C’è una minuscola sala comune, con un tavolaccio, e tutto il resto è camerata.

La camerata ha una finestra che dà su almeno trecento metri di vuoto, con un fiume, laggiù, lontanissimo. Credo sia quello che abbiamo guadato questa mattina.
In ogni caso, credevo che posti così esistessero solo nei cartoni animati di Wil Coyote e Bip-Bip.
E invece.

Nepal-abyss 3

Il monsone, che nelle ultime ore ci aveva lasciato un po’ di respiro, sul far della sera diventa all’improvviso un diluvio universale. È bello avere un tetto sulla testa, per quanto precario e sgocciolante.

Consumiamo la nostra cena frugale al buio di una candela. E va bene così, così non ci facciamo tante fisime per il cibo – sempre quello, budda bello, sempre la solita roba che quei disgraziati di portatori si stanno portando sulla schiena ormai da cinque giorni.

Nepal-dinner 4

Chissà perché, la conversazione con i compagni di viaggio langue. O sono i rimorsi per non essere in crociera, o è che di fiato, proprio, non ce n’è più.

 
E poi, la notte.

Non so, sinceramente, se ho mai passato un’altra notte così. Ma credo proprio che me lo ricorderei – per certe esperienze non c’è meccanismo di rimozione che tenga.

La nostra camerata, si diceva, è letteralmente sospesa sull’abisso. Il mio letto è inclinato.

Ora, uno dice: te ne freghi; metti la testa dalla parte alta e dormi allegro come un bambino.
Il problema è che il letto è inclinato trasversalmente.
Non so come mai, porcaeva, ma è così. Bisogna stare con gambe e braccia a forbice e a chiappe strette, altrimenti si rotola via.

notte inclinata

Ma questo è niente: precisamente sulla verticale del mio letto, c’è un buco nel tetto. E fuori, quasi superfluo ricordarlo, sta infuriando un monsone sproporzionato.
Il letto, naturalmente, è inchiodato al pavimento, e non ci sono altri letti liberi nel raggio di molte miglia. Dormire per terra sarebbe come fare il morto in una palude sporca.

 
In queste condizioni, l’unica cosa che posso fare è stendere sopra al sacco a pelo l’Invictella, la mantella di plastica in dotazione allo zaino. In questo modo almeno il sacco resterà asciutto, e poi un po’ di protezione in più dal freddo della notte non può che farmi bene.

notte bagnataIl fatto è che, in qualità di essere umano completo, possiedo le gambe. E per tutta una serie di motivi antropometrici su cui è inutile star qui a questionare, le ginocchia sono un po’ più alte della testa. Morale, effetto tenda: l’acqua piovana arriva sulle gambe, e da lì mi rigagnola in faccia e, di riflesso, dentro al sacco. In queste condizioni io, che confesso di essere un po’ viziatuccio, ammetto di non riuscire a dormire tanto bene.

 
L’unica soluzione è tenere le gambe ben piegate, accentuando l’effetto tenda. In questo modo l’acqua scivola dall’altra parte delle ginocchia, direttamente sul pavimento, senza inondarmi.

Ma ci sono due piccoli inconvenienti: se tengo le gambe piegate, non posso usarle per tenermi stretto al letto. Per cui devo fare tutto di braccia, assumendo una posizione da Cristo in croce che non so se è più comica o drammatica.

Secondo inconveniente: sono talmente stravolto che dormirei anche in punta di piedi e con un ombrello infilato nel retto, ma il guaio è che appena prendo sonno mi rilasso, distendo le gambe, e mi arriva in faccia un’onda anomala, che mi sveglia. È pazzesco, diabolico, roba da Alighieri, il girone dei coglioni.

 
Inutile dirlo, dopo neanche un’ora sto già male, ho la gola in fiamme, non tiro il fiato (che comunque non ho più), e la fronte è a centomila gradi. Il bello è che indosso praticamente tutto il mio guardaroba, in tre strati. Ma non c’è verso, qualcuno in cielo ha già deciso: sarà una gran notte di merda.

 
Sono ore lunghissime, scandite dal micidiale plic-plic-plic-plic-plic-plic-plic della pioggia che mi sgocciola sulle rotule con una regolarità da Bulova a diciotto rubini. Sarà questa colonna sonora, sarà la febbre che sale di mezzo grado ogni mille plic, sarà l’odore di maglione bagnato, sarà una combinazione di tutto questo: un viatico perfetto verso il delirio.

 
E poi, improvvisamente, sono altrove.
Braghe a fiorelloni e brocca di mojito in mano, sono su una spiaggia di Bora Bora, circondato da fanciulle in pareo con collane di fiori bianchi e tette abbronzate al vento.
Nell’aria il profumo delle gardenie di Gauguin e una musica soffusa di ukulele. (Ukulele? In Polinesia? Boh.)

Macchisseneimporta. Domani col cavolo che dovrò farmi altre dieci ore di salita, con lo zaino di cemento piantato sui reni, le maledette sanguisughe aggrappate allo scroto, e le scimmie sugli alberi che tirano i sassi (giuro, tirano i sassi, le stronze).
Domani mi faccio due bracciate in laguna, e poi mi sbafo una cesta intera di frutti della passione.
Anzi, mi faccio imboccare, un pezzetto alla volta, da queste leggiadre e ospitali indigene.
E poi, e poi… Meglio che non ci pensi, o altro che effetto tenda.

Namastè a voi, cari avventurieri. Salutatemi l’Annapurna.
Per me, da ora in avanti è soltanto aloha.

Plic.
Plic.
Plic.
Plic.

E poi, naturalmente, di nuovo in marcia.

 


Le illustrazioni sono state realizzate usando il pupazzino Ludwig (versione 1.00 – 3/21/06) di Jason Pierce detto Sketchy, che all’uopo ringrazio.

Ludwig character courtesy of Jason Pierce. Thank you, Sketchy!

Annunci

Discussione

5 pensieri su “Noche de pasión

  1. Ho sofferto per te, mi sono immedesimata tantissimo, soffrivo e gemevo, gemevo e soffrivo…poi ho capito perché… fuori piove, ho dolori dappertutto, c’è una umidità petulante e me lo dice la cervicale infine, a maggiore sofferenza, IL CANE HA SCORREGGIATO. 🙂

    Mi piace

    Pubblicato da dani2005dani | 1 maggio 2013, 8:48 pm
  2. Mi ricorda una vacanza estrema fatta da una coppia di cugini con loro amici avventurosi nell’Africa piu profonda. Tra le altre cose finirono il mangiare e allora affittarono una gallina da una tribu e tutti in cerchio a aspettare che facesse l’uovo, uovo eventuale che avrebbero dovuto dividere tra non so quanti! Comunque la gallina si astenne.

    Mi piace

    Pubblicato da elisabetta | 1 maggio 2013, 11:39 pm

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
angolo del pensiero sparso

voli pindarici sulla caleidoscopica umanità

La Volpe Spettinata

TUTTI I GIORNI UN NUOVO ARTICOLO!

{Judith Laughs Loudest}

[Pensieri (tra parentesi)]

Nosce Sauton

I pensieri, condivisi dai più saggi nel corso delle loro vite, vengono pubblicati ogni giorno alle 08:08. Per non perderli iscrivetevi al blog o alla mailing list in fondo alla pagina, oppure salvate la pagina tra le preferite.

un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

warnoter

L‘insostenibile leggerezza dell'essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: