Mappamondo

Fatevi un giro nel Total Perspective Vortex

Dài, gente, non fate finta di niente. Lo so che avete letto la Guida per Autostoppisti della Galassia.
Lo so, perché se così non fosse non avrebbe senso starsene qui a sminchionellare su queste pagine. Sarei io il primo a dirvi di spegnere immediatamente questo cacchio di computer e andarla a leggere. Subito!
E possibilmente in lingua originale, che fa molto più ridere.

Però, essendo tutti esperti della Guida, sapete benissimo cos’è il Total Perspective Vortex.
Il Vortex, lo ricordo a beneficio dei ragazzi dell’Alzheimer Fan Club (che mi seguono sempre con affetto e passione), è una raffinata forma di tortura in uso sul remoto pianeta Frogstar B.

Si tratta di una microscopica baracchina tipo cabina del telefono (qualcuno sa di cosa parlo?) in cui il condannato viene legato su una poltroncina, ed è poi costretto ad assistere ad una rappresentazione in realtà virtuale full immersion di nientemeno che l’intero Universo.
In pratica, gli viene proiettato tutto intorno un ologramma incredibilmente dettagliato di tutte le stelle, i pianeti, le galassie, gli ammassi e le nebulose che affollano lo spazio. E, in un angolino di tutto questo, una freccetta che punta su un insignificante granello di polvere, periferico e a malapena visibile – la Terra – con la scritta “Voi siete qui”.

L’esperienza, dicono, è devastante: essere messi a confronto con la sconfinata estensione del cosmo è una mazzata micidiale per il terrestre medio.

 

Space it’s big. Really big. You just won’t believe how vastly hugely mindbogglingly big it is. I mean, you may think it’s a long way down the road to the chemist, but that’s just peanuts to space.


(Douglas Adams)

 
I condannati al Total Perspective Vortex non reggono all’esperienza: ne restano stravolti, spezzati, ridimensionati a morte.
Tutti tranne uno, un certo Zaphod Beeblebrox, che è un tipo con un ego che, in confronto, Fonzie è un insicuro.
(Tra parentesi: ma esisterà un nome più bello? Fonzie!)

 
Ma sto divagando. Oggi vorrei suggerire a voi tutti di fare un viaggio nel Vortex. Non in quello originale, così pericoloso, lontano, e credo neanche servito da Ryan Air. In una sua versione bidimensionale e decisamente più innocua: il filmato qui sotto.

 
Si tratta di un video spettacolare di appena sei minuti, realizzato dagli astrofisici dell’American Museum of Natural History – a riprova del fatto che i musei possono essere istituzioni niente affatto noiose, in caso vi avesse sfiorato il dubbio.

Il filmato è il risultato della mappatura quadridimensionale più completa e accurata oggi disponibile di tutto l’Universo conosciuto, il Digital Universe Atlas (che, ehi, si può anche scaricare!), e parte da una ripresa a volo d’uccello delle cime maestose dell’Himalaya. Da lì allarga il campo, sempre di più, sempre di più, prima a inquadrare tutto il nostro meraviglioso pianeta, poi il sistema solare, poi tutta la nostra galassia, e via via tutto il pulviscolo sterminato delle millemila galassie sparate via da quel mirabile fuoco d’artificio che un qualche sconosciuto mattacchione ha innescato per chissà quale motivo una quindicina di miliardi di anni fa.

E poi, come un immenso respiro, una volta giunto ai confini dello spazio intergalattico, il filmato torna a zoomare indietro, lentamente, di nuovo sulla nostra vecchia Terra, di nuovo sulle vette innevate del tetto del mondo.

 
Vi dirò. A differenza del Vortex originale, questo tour non mi ha affatto ucciso. Al contrario: mi ha emozionato, esaltato. Forse anche un po’ commosso.
Può essere che anch’io abbia un ego ipertrofico come Zaphod Beeblebrox e Fonzie, chi lo sa.

Oppure, più probabilmente, mi ha toccato la corda giusta.
Mi ha preso per un orecchio e mi ha costretto a ricordare in che razza di cosmo meraviglioso mi è capitato di nascere, e quanto possa essere meraviglioso cercare di conoscerlo e capirlo, lasciando la briglia sciolta alla ghiandolina dello stupore.

E mi è servito anche per ricordare quanto sia miserabile passare la vita concentrati sul nostro ombelico, miopi alla realtà, occupati ad alimentare le nostre patetiche diatribe e a coltivare il nostro inutile egocentrismo.

Bah. Forse ho sbroccato. Però provate anche voi a fare un giro nel Vortex. Lasciatevi andare a questo spettacolare tête-a-tête cosmico. Regalatevi sei-minuti-sei di comunione con la bellezza del creato.

Ma non fatelo adesso.
Cercate di ritagliarvi una microscopica fettina della vostra vita senza distrazioni, senza nessun rompiballe che possa interrompere, senza cellulari che fanno blip, senza notifiche di Facebook, senza tivù in sottofondo. Isolatevi per sei minuti, per soli sei minuti (il mondo sopporterà). Magari al buio. In silenzio, con l’audio del computer a palla.

Sei minuti con la cuffia nelle orecchie, e l’infinito negli occhi.

Have a nice trip.

 

Ispirato da “The Hitchiker’s Guide To The Galaxy”, e da quei geniacci dell’American Museum of Natural History.

 

Annunci

Discussione

10 pensieri su “Fatevi un giro nel Total Perspective Vortex

  1. non vedo l’ora! infatti non lo faccio in questo sbagliatissimo momento.

    MA

    ricordo una cosa (la ricostruisco, non credo fosse scritta così male) che LEQUI tempo fa da qualche parte (romanzone di Massimo Manfredi, credo) … il cielo è sempre sopra la nostra testa, sta sopra il recinto. Ma lo schiavo dentro al recinto non può alzarla, la persona libera fuori dal recinto può farlo.

    Mentre sei dentro al recinto non hai controllo sulla frustata che ti arriverà nonappena alzerai la testa.

    La sopravvivenza è un po’ quella frustata, penso.

    E si: hai ragione!! Dev’essere bello leggerlo in inglese ed è evidente che tu l’hai fatto, perché in effetti in italiano si chiama “Guida galattica per autostoppisti” (che fa più ridere, in Italiano, solo per quanto riguarda il titolo).

    ciao e viva l’universo: non posso che riconsigliarti il libro che ti ho già consigliato. Lo troverai bellissimo e commovente anche se è … scientifico (divulgativo) ! 🙂

    Mi piace

    Pubblicato da cavallogolooso | 9 novembre 2012, 6:12 pm
    • Come “anche se è scientifico”? Semmai “proprio perché, per fortuna, è scientifico”! 🙂
      Lo metto senz’altro nella pila di quelli da leggere.
      …e grazie per la dritta sul titolo. La versione che ho letto è proprio quella che ho fotografato – che viaggione le copertine componibili, eh? Indovina quali sono le quattro altre immagini che si vedono, giroprillando i quattro libri. E non barare, usando Fotosioc!

      Grazie!!

      Mi piace

      Pubblicato da Niarb | 10 novembre 2012, 1:41 pm
      • ahah 🙂 figate su figate 🙂

        Mi piace

        Pubblicato da cavallogolooso | 11 novembre 2012, 5:42 pm
      • il giro nel vortex poi l’ho fatto 🙂
        purtroppo essere ridimensionato non cambia troppo la mia vita. la tua vita sta comunque sempre attorno a te…

        DEVI LEGGERE QUEL LIBRO DI WEBB!!!!!!!! ;-D

        Mi piace

        Pubblicato da cavallogolooso | 16 novembre 2012, 7:53 pm
        • “La vita sta intorno a te”?? Ma mi stai citando il matto sulla sabbia che reclamizza Banca Mediolanum o la bonazza di quella antica pubblicità Vodafone? 🙂

          Mi piace

          Pubblicato da Niarb | 21 novembre 2012, 7:12 pm
          • se c’è una bonazza io non ricordo la pubblicità! Se parli di Doris, non lo sopporto !!!!!

            Mi piace

            Pubblicato da cavallogolooso | 22 novembre 2012, 12:23 am
          • E dài, sei l’unico in Italia che non ricorda…

            ?

            Oppure mi stai sottilmente facendo notare che, in presenza di bonazza, il neurone tende ad andare in tilt e tralascia il logo?

            Nel secondo caso, diciamolo a bassa voce o ci toglieranno subito le bonazze dagli spot, rendendo quindi superfluo guardare la TV. 😉

            Mi piace

            Pubblicato da Niarb | 23 novembre 2012, 10:36 am
          • io non solo lo dico, ma lo grido! 🙂
            quando avevamo ancora un responsabile commerciale/vendite e il mercato girava successe questo: gestivamo il marchio TIZIOCAIO. Ad un certo punto dentro ad una pubblicità importanta su scala nazionale appare un set da viaggio della marca TIZIOCAIO tra gli accessori di una megagnocca.

            Di quale pubblicità?

            Ah boh!

            Arriva il commerciale e dice “avete visto la pubblicità della tim? eh? figo eh?”
            e io: EHHHHHHHHHHHHH? quale?
            poi mi fa “ma si, quella con Nomedellabonazza” !!!
            e io: ah boh.
            me la descrive minutamente e poi mi dice COSA faccia la bonazza e finalmente sbotto

            AHHHHHHHHHHH!!!!
            che figa!
            ah ma era la pubblicità di … che?

            ecco. 🙂

            Mi piace

            Pubblicato da cavallogolooso | 23 novembre 2012, 3:38 pm
  2. Reblogged this on Depresso Gioioso and commented:
    Non posso che consigliare ancora questo libro, a tutti: http://www.sironieditore.it/libri/libri.php?ID_libro=978-88-518-0041-3 – lo spirito dell’autore è scettico ma non completamente disincantato… è uno scienziato che vorrebbe … ma che non crede se non vede. Rende comunque meravigliosa la vita, a prescindere da ogni credenza religiosa.

    Mi piace

    Pubblicato da cavallogolooso | 11 novembre 2012, 9:54 pm

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

warnoter

L‘insostenibile leggerezza dell'essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto bulbi che piangevano rugiada bicolore)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: