(In)sostenibile

La Formula 1 può salvare il mondo?

La monoposto rossa imboccò rombando la corsia dei box.Tecnici e meccanici mollarono in fretta i bicchieri di lambrusco e i panini alla mortadella, e corsero fuori ad accogliere il pilota.

Il tedesco spense il motore, si tolse il casco e sfilò fuori dalla vettura. La tensione era palpabile: la squadra non vinceva più un campionato da tempo immemorabile, e tutte le speranze erano ormai riposte nel nuovo arrivato, il crucco fuoriclasse.

Eppure, i primi giri di pista si erano rivelati molto inferiori alle aspettative, e gli uomini del muretto attendevano ora con ansia da scolaretti il suo verdetto.

“Allora?” disse il francese, capo degli uomini dei box.
“Pella macchina,” rispose il pilota “daffero pella macchina. Motore molto potente, zì. Telaio wunderbar, zozpenzioni di molto puone”.

La tensione si allentò di colpo. Apparvero i primi sorrisi.
“Ma allora perché i tempi sono così alti?” disse il francese, che non aveva ancora sorriso.
“Beh, qvalche problema c’è, zì. Per ezempio, qvando io in pista, mi piace zapere a qvale felocità io vado.”
“…?” dissero i tecnici.
“Dietro a folante forrei afere indicatore di chilometri all’ora”.
“Un tachimetro! Vuole un tachimetro!” gridò un meccanico.
“Beh, si può fare.” disse un altro. “Ma cosa c’è che non va nel barometro che abbiamo installato?”
“E’ un barometro molto preciso.” disse un terzo meccanico.
“Zì, parometro molto pello per dezidere ze andare al mare o andare in pizina, ma io non serfe durante gara. Serfe tachimetro.”.
“Oh.” dissero i meccanici.

“E anche a me piazerebbe indicatore di giri di motore,” disse il pilota, “così io capisce meglio qvando campiare marcia. Voi non messo indicatore di giri di motore, voi messo orologio.”
“E’ un orologio straordinario, precisissimo.” disse il francese “Lo ha fatto apposta per noi una grande azienda svizzera. E’ costato un mucchio di soldi.”
“Zì, e qvello io penzo stare pene su muro di mia casa, cozì non perdo più puntate di soap opera. In macchina, però, serfe a niente. Meglio contagiri.”

I tecnici si scambiarono delle occhiate dubbiose. Il silenzio durò qualche istante, e poi fu ancora il tedesco a parlare:
“Cià che ci siamo, voi bitte togliete anke altimetro da cruscotto, e mettete indicatore di penzina, zì?”

Il capo ingegnere, con voce quasi rotta dal pianto, disse:
“Anche l’altimetro? Ma è un capolavoro tecnologico. E’ collegato in tempo reale con quattro satelliti della NASA che…”
“Zì, pellissimo indicatore,” lo interruppe il pilota, “però quando io deve vincere gara io defo sapere se ho penzina nel serbatoio, non se rischio collizione con gabbiani.”

Il francese tacque per qualche istante, e poi chiese:
“Senti, ma se noi ti modifichiamo il quadro indicatori come ci hai chiesto, poi tu le vinci le gare?”.
“Qvesto io non zo,” disse il tedesco. “Di certo, non le pozzo vincere con macchina puona ma strumenti di Scheiße” [“pupù”, N.d.T.].

Detto questo, sparì nelle docce. I tecnici fecero le modifiche richieste, e il tedesco vinse cinque campionati del mondo di fila.

 

 
Tempo dopo, quando, ormai ricco e famoso, si ritirò dalle gare, venne invitato da un gruppo di uomini molto influenti a trascorrere una settimana con loro sulle alpi svizzere.

“Pello,” disse l’ex-pilota, “io ama skiare”.
“Veramente,” disse uno dei suoi ospiti “qui a Davos non si viene per sciare. Si viene per decidere i destini del mondo”.
Krauti!” esclamò il tedesco, “Nientepopòdimenen. Ma foi chi siete?”
“Politici, regnanti, industriali, banchieri, intellettuali, leader religiosi,” disse un altro, “Gente così. Abbiamo pure un paio di attori e una rockstar”.
“E perché foi fuole pilota?”
“Beh, è buffo,” disse il primo uomo. “Il fatto è che abbiamo un problema. Un problema in qualche modo simile a quello che hai dovuto affrontare tu con la tua squadra, cinque anni fa. E allora abbiamo pensato che, forse, avresti potuto darci una mano.”
“Un punto di vista fresco, senza preconcetti,” disse il secondo uomo. “Forse tu, che non sai niente delle nostre cose ma hai una mente analitica e sei di natura un vincente, sarai in grado di cogliere al volo quello che noi probabilmente abbiamo sotto il naso, ma che continua a sfuggirci.”
“Ora foi fatto me curioso,” disse il tedesco. “Fi ascolto”.

 
Le mirabolanti avventure dell’ex-pilota di Formula 1 a Davos terminano nel prossimo articolo.
 

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto lama che danzavano sputando latte e miele)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: