Umanamente

E’ una mia impressione o ci sono in giro sempre più idioti?

Ci sono delle volte in cui mi sento vecchio.
Sono quelle volte in cui mi alzo da una posizione strana e le ginocchia fanno un rumore come di mortaretti a capodanno.  E quelle volte in cui mi perdo tutto il primo tempo di un film cercando disperatamente di ricordare il nome di quel maledetto attore che conosco benissimo.  E quelle volte che mi sorprendo a ripetere per la centesima volta a mia figlia “Vedi, dove adesso c’è questo ipermercato prima era tutta campagna, io da piccolo ci venivo a fare i salti con la bici”.

Ma le volte in cui mi sento davvero decrepito è quando scuoto la testa e sentenzio, per i motivi più vari: “Ehi, ma a questo mondo sono diventati tutti quanti idioti?”

E’ una lamentela molto poliedrica, perché si applica altrettanto bene ai miei coetanei (“tutti già rincoglioniti”) come ai giovani (“tutti ancora rincoglioniti”) come agli estranei, di qualunque fatta (“sempre tutti rincoglioniti”).

 

Oddìo, a darsi un’occhiata intorno, in effetti ci sarebbe di che preoccuparsi.  Tra le pagliacciate della politica, le assurdità dell’economia, gli episodi di follia criminale che riempiono le cronache,  la crescita continua delle malattie nervose, la distruzione degli ecosistemi e tutto il resto, in effetti la specie “Homo Sapiens Sapiens” non è che ci faccia poi questa gran figura.

Però, dice poi l’omino ottimista dentro di me, alla fine le cose sono sempre andate così.  E’ solo che oggi c’è più informazione, e facciamo più caso anche alle idiozie.  Ma il mondo non cambia.  L’uomo non cambia.  Anzi, a volerla dir tutta, alla fin fine l’uomo si è evoluto.
E l’evoluzione è un processo inarrestabile.  Non vorremo mica raccontarci che in tutti questi secoli la razza umana non sia progredita, neanche un po’?”

Beh.
Ho scongelato questo documentario, e il dubbio mi è sorto.
Buona visione.

 

 


Voce fuori campo: All’inizio del XXI secolo, l’evoluzione umana era giunta a una svolta. La selezione naturale, il processo secondo il quale il più forte, il più intelligente, il più veloce si riproduce in misura maggiore rispetto agli altri, il processo che una volta aveva favorito gli aspetti più nobili dell’uomo [scorrono immagini di Einstein, Beethoven, Darwin, e della Venere di Botticelli], aveva cominciato a favorire caratteristiche diverse [scorrono immagini di lottatrici di wrestling].
La maggior parte della fantascienza dell’epoca prevedeva un futuro più civile e più intelligente. Ma con il passare del tempo, le cose andarono nella direzione opposta.  Un istupidimento generale.

Come era potuto accadere?

L’evoluzione non sempre premia necessariamente l’intelligenza. E senza predatori naturali ad assottigliare il branco, cominciò a premiare coloro che si riproducevano di più, e lasciò che gli intelligenti diventassero una specie in via di estinzione.

 

Caso di studio: Trevor e Carol vs. Clevon

Trevor (quoziente di intelligenza 138): Avere dei figli è una importante decisione.
Carol (quoziente di intelligenza 141): Aspettiamo il momento giusto.
Trevor (QI 138): Sì.
Carol (QI 141): Non vogliamo farlo senza riflettere, è ovvio.
Trevor (QI 138): Proprio no.

 
 
 
 

Trish: Oh merda, sono di nuovo incinta!
Clevon (quoziente di intelligenza 84): Cazzo!  Ma abbiamo una caterva di figli!  Non prendevi quella cazzo di pillola??
Moglie di Clevon: Và al diavolo!
Clevon (QI 84): Cazzo!  Mi sa che mi sveglio con Brittany.
Moglie di Clevon: Brittany?  Figlio di puttana!  [Gli tira addosso qualcosa di pesante]

 
 

Cinque anni più tardi.

Carol (QI 141): Non possiamo permetterci un figlio adesso.
Trevor (QI 138): [annuisce]
Carol (QI 141): Non con l’attuale congiuntura finanziaria.
Trevor (QI 138): No.  Non avrebbe veramente senso.

 
 
 
 
 
 

Trish [incinta]: Sturati le orecchie, puttanella!  Non gliene può fregare di meno di te!
Britney [incinta]: Qui però [si indica il basso ventre] dev’esserci qualcosa che gli piace!
Clevon (QI 84): Lei non è niente per me!
Brandy [incinta anche lei, irrompe nella scena brandendo un bastone]: Clevooon!
Clevon (QI 84): Uh-oh!
Brandy: Brutto bastardo!
Clevon (QI 84): Io non c’entro!

 

Altri cinque anni più tardi.

Carol (QI 141): Abbiamo finalmente deciso di avere figli, solo che… [guarda Trevor con aria di rimprovero] Non voglio incolpare nessuno, ma non sta andando bene.
Trevor (QI 138): Ah. E sarebbe a dire?
Carol (QI 141): Semplicemente, dico che prima di pensare all’inseminazione tu potevi…
Trevor (QI 138): E’ sempre colpa mia, vero?
Carol (QI 141): Beh, io non ho spermatozoi.

 
 

Clevon Junior (QI 78) [figlio di Clevon, in divisa da football, abbrancando alcune cheerleader]: Sì! Sì! Vi scopo tutte io!
Clevon (QI 84): Quello è il mio ragazzo!
Clevon Junior (QI 78): [urla selvagge]

 
 
 
 

Altri cinque anni più tardi.

Medico: Clevon è fortunato a esser vivo.  Ha tentato di saltare con una moto d’acqua da un lago a una piscina, e si è impalato con i genitali su un cancello.  Ma grazie ai progressi nella ricerca sulle cellule staminali, e all’ottimo lavoro dei dottori Krinstan e Schuller, riacquisterà la piena funzionalità riproduttiva.
Clevon (QI 84): Giù le mani dal mio ferro!

 
 
 

Altri cinque anni più tardi.

Carol (QI 141): Sfortunatamente Trevor è stato colpito da un infarto cardiaco mentre si masturbava per produrre sperma da usare per l’inseminazione.  Ma io ho congelato degli ovuli, così quando arriverà l’uomo giusto potrò ancora… ecco… sì.

 
 
 
 
 

Voce fuori campo: E andò avanti così per generazioni, anche se nessuno (o quasi) sembrò notarlo.

Segue rappresentazione grafica dell’albero genealogico dei tre personaggi.
Conteggio finale, dopo 500 anni:
Discendenti di Clevon (QI 84): alcuni milioni.
Discendenti di Carol (QI 141) e Trevor (QI 138): zero.


 

…Ecco, per cui se lì fuori c’è qualcuno che si intende di evoluzione, o di genetica, o di calcolo combinatorio, o di principio di causalità, o al limite anche di disegni divini, beh, gli / le sarei enormemente grato se volesse lasciare un commento.
Possibilmente, rincuorante.

Grazie!

 

Tratto da “Idiocracy”, di Mike Judge (2006)
 

Annunci

Discussione

10 pensieri su “E’ una mia impressione o ci sono in giro sempre più idioti?

  1. He he… io e la mia morosa abbiamo deciso di non avere figli. Tu?

    AHAHAHAHAHA 😀

    sono contento che tu abbia deciso di vedere Idiocracy. E ora spargi il verbo! (e il seme!)

    Mi piace

    Pubblicato da cavallogolooso | 1 agosto 2012, 8:14 am
  2. Vabbé, tornando alla domanda: … vabbé, ci faccio un post, che se no ti occupo 2 km di commento; see you!

    Mi piace

    Pubblicato da cavallogolooso | 1 agosto 2012, 8:15 am
  3. Reblogged this on Depresso Gioioso and commented:
    Che l’intelligenza abbia come fine il miglioramento della qualità della vita della specie purtroppo è solo nelle nostre menti di amanti della fantascienza. Quello che fa sopravvivere il più forte è sempre la forza. E nel caso dell’intelligenza, la sua declinazione è la furbizia, l’astuzia…

    Mi piace

    Pubblicato da cavallogolooso | 1 agosto 2012, 8:17 am
  4. “Growth for the sake of Growth is the ideology of the cancer cell”.
    E concludo con queste semplici constatazioni:
    1) i figli, se proprio si vogliono fare, si fanno PRIMA DEI 25 ANNI, per essere assistiti da energia&follia. Non si fanno pensandoci pensandoci pensandoci sopra fino a POTERLI (economicamente ) fare a 45 anni. Età da nonni.
    2) un sacco di gente dotata di spermatozoi e magici ovetti fanno figli a nastro, sorpattutto nei paesi poveri. Purtroppo sono carne da cannone, utili per la NOSTRA (noi ricconi occidentali) SOPRAVVIVENZA. Matrix dixit.E non è detto che siano stupidi come la genia di Trevor.
    3) anche io mi sento circondata da Trevor, che riesce in breve tempo a rincoglionire qualsiasi bambino nei dintorni di 10 km. Ho due famiglie di vicini di casa. Una con due figli e una con tre (tipo i Dalton). La famiglia con due (bambini viziati e fastidiosi) ha la madre meno che trentenne che fa la CASALINGA!!!!! La famiglia con tre sta uscendo di senno: quando i figli erano due tutto a posto adesso urla e grida disumane. In uncasa più piccola della nostra. Sono stata costretta a rendermi antipatica dicendo alle due “graziose” famiglie di non ammorbarmi l’aere con i loro problemi famigliari. Viviamo in villette troppo vicine per non sentire le urle e i fastidi. Se fai figli te li sopporti.
    4) non ho avuto figli. Adesso ne sono anche lieta e vincerò il premio Darwin per NON aver contribuito a peggiorare la razza umana. Io ho sempre pensato che comunque i figli siano figli della collettività. Da loro usciranno nuovi medici architetti commercialisti naturalisti garagisti estetisti e farmacisti. Ecc. non sono un prolungamento di eternità genetica.
    5) non siamo tutti nati per essere madri e/o padri. Un obbligo sociale/familaire/religioso/coercitivo che fa diventare genitori gente che non potrebbe tenere responsabilmente nemmeno un orsetto di peluche.

    Mi piace

    Pubblicato da dani2005dani | 1 agosto 2012, 9:19 am
    • ecco un link con un esempio di persone che NON DOVEVANO FARE I GENITORI…http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2012/08/01/Lasciano-bimba-casa-andare-mare_7273608.html

      Mi piace

      Pubblicato da dani2005dani | 1 agosto 2012, 5:17 pm
    • Giusto! Le cellule tumorali sono l’esempio più calzante di robe che crescono all’infinito. Ma non sono le uniche: ci sono anche i virus, i batteri, i nuclei fissili in una bomba all’idrogeno, l’entropia, e le accise sul carburante. Tutta roba che, alla lunga, uccide l’organismo ospite.

      Ti vengo in scia sui tuoi cinque punti:
      1) I figli si fanno prima dei 25 non solo perché si hanno ancora energie e non si capisce ancora un tappo, ma soprattutto perché i nonni sono auspicabilmente ancora al mondo e belli arzilli, e possono starci dietro. Sennò sono cavoli.
      In alternativa, si possono fare anche più tardi, tipo 60-70 anni. Purché li si faccia con la badante ventenne…

      2) L’idea matrixiana delle colture di esseri umani è molto sexy, ma non se il serbatoio di materia prima continua a crescere indefinitamente… Non ricordo in quale film o cartone animato c’era un aspirante panettiere che sbagliava le dosi e iperlievitava l’impasto, e questo un po’ alla volta montava come un Blob ipertiroideo. Dobbiamo stare attenti…

      3) Ah ah ah! Ma questo è il sequel de “I vicini di casa”, con John Belushi e Dan Aykroyd. Fossi in te, comincerei a seminare intorno alle loro casette trevoriane dei pupazzetti di panno trafitti da spilli, delle Barbie sfregiate, dei santini conficcati a terra con un coltello, dei mozziconi di candela nera, e altri gadget (anche più trash) di genere halloweeniano. Condisci il tutto con i Carmina Burana a tutto volume dopo le due di notte, e somministra quotidianamente per due-tre settimane.
      Se non si calmano, c’è sempre la testa di cavallo nel letto. Se non ti piace l’idea di staccarla dal resto del cavallo, metticelo tutto!

      4 e 5) Oltre al premio Darwin (che nel tuo caso, non vinceresti comunque MAI) ci sono un paio di altri vantaggi a non sparpagliare in giro i cromosomi:

      A) nessuna necessità di ciularsi il resto della vita per fare da portaerei a qualcun altro, che magari non viene su nemmeno riconoscente o simpatico; e
      B) nessuna necessità di mettere da parte un’eredità dignitosa. Potrai (potremo) contenere in modo esponenziale le spese familiari, e spendere tutti i sudatissimi risparmi fino all’ultimo centesimo. Questo non per scialacquarli in chissà quali lussi, ma semplicemente per sbattersi un po’ meno per guadagnare, e godersi un po’ di più la vita.

      …troppo cinico? Diciamo che non è colpa mia, che mi disegnano così. 😉

      Mi piace

      Pubblicato da Niarb | 28 agosto 2012, 12:21 am
  5. Dopo la prima pubblicazione di Limit to the growth (1972…ha azzeccato tutto tutto tutto infatti la odiavano già nel 1972), è seguita una riedizione dove specificavano quale tipo di crescita NON funziona: quella indefinita, (tipo appunto i tumori). Noi siamo fatti di molte cose, occhi, capelli, pelle, ossa, muscoli, organi interni…mi pare di ricordare che la morula dopo un po’ si specializza appunto nei prima citati…aanche se devo dire qualcuno mi ricorda una morula…
    Bella quella del fare da portaaerei…e spesso chi fa da portaerei (e non da genitore, capisco che sia più difficile, ma è quella la strada giusta) si becca discendenza irriconoscente e stronza.
    L’eredità, unica che possiamo lasciare è la nostra incolmabile stupidità. Tutto il resto è NULLA. Pochi decenni senza esserei umani e il Pianeta ha già divorato le nostre misere spoglie….
    VEDI COME SCRIVO SE MI CITI I CARMINA BURANA????
    😉
    P.S. Buona idea, la prossima volta alzo il volume…e non mi toccare i cavalli…

    Mi piace

    Pubblicato da Daniela | 28 agosto 2012, 9:14 am
  6. Bellissimo! Me lo sono andato a cercare su YouTube e ho trovato questo commento, che devo assolutamente condividere:

    “I like that this movie is basically saying smart people to stop talking and start fucking.I hope it shows educated people that focusing too much in their personal goals not necesarily improves the human race, if you don’t reproduce and continue the path of enlightment.”

    Traduco: Mi piace questo film. In pratica dice alla gente intelligente di smetterla di parlare e cominciare a sc***pare. Spero insegni alla gente istruita che focalizzarsi troppo sui propri obiettivi personali non migliora necessariamente la razza umana. Bisogna darsi da fare e riprodursi e non pensare solo al proprio percorso verso l’illuminazione.
    🙂 🙂 🙂

    Mi piace

    Pubblicato da Jenny | 8 settembre 2012, 4:52 pm

Trackback/Pingback

  1. Pingback: L’idiota spiaggiato | afterfindus - 13 aprile 2014

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

warnoter

L‘insostenibile leggerezza dell'essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto bulbi che piangevano rugiada bicolore)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: