Italia bella

Terremoto: vi prego, tranquillizzatemi

Earthquake? Please calm me.Vi prego, vi scongiuro, mettetemi tranquillo.

Lo sapete che non so molto dei vostri anni. Nella mia epoca ci diamo un gran daffare per cercare di ricostruire la storia e gli eventi del XXI secolo, ma ci sono ancora tanti buchi.

 

Ad esempio. Io ero rimasto ad un certo modo di funzionare della Protezione Civile. Per quello che ne so, nel 1992 una legge stabilì che in caso di emergenze la Protezione Civile potesse agire velocemente, se necessario anche scavalcando le norme e le procedure ordinarie. Il che è perfettamente logico: in caso di emergenza, si deve poter correre.

 
Nel 2001, in piena Repubblica del Cabaret, il governo del geniale Burlesquoni apportò una piccolissima modifica a quella legge. Alla parola “emergenza” venne aggiunto “e grandi eventi”. Venne quindi stabilito che in caso di emergenze e grandi eventi, la Protezione Civile potesse tranquillamente agire in barba alle leggi.

 

A questo punto è legittima la curiosità: cosa diavolo si intende per “grande evento”?
Difficile sintetizzare. Possiamo provarci con uno schema tratto da un interessante documentario dell’epoca:

 

Si legge male? Riassumo.

Il 15%, manifestazioni sportive. Ad esempio gli Europei e i Mondiali di nuoto, e i Giochi del Mediterraneo. Questi eventi furono organizzati dalla Protezione Civile, che distribuì soldi pubblici a soggetti privati per realizzare impianti (spesso nemmeno usati per le gare), e fare di conseguenza tanti tanti bei soldini. Nostri. Oltretutto, con libertà di violare qualsiasi norma edilizia (probabilmente anche quelle antisismiche… garantendosi così la possibilità di eseguire lucrosi interventi anche in futuro).

Il 27%, vertici nazionali. E qui, il buio si fa fitto. Io non ho idea di cosa fossero i vertici nazionali (spigoli? angoli? punti di incontro di semirette convergenti?). Se non lo sapete neanche voi, abbiamo un paradosso: grandi eventi, ma sconosciuti ai più.

E finalmente, il 55%: eventi religiosi. Tra questi, indimenticabili visite apostoliche del papa a Brindisi, Savona, Genova e Cagliari, ma anche anno giubilare paolino, congresso europeo delle famiglie numerose (whaaat?) e, naturalmente, l’attesissimo 4° centenario della nascita di san Giuseppe da Copertino.

 

Tutto questo spiega in maniera abbastanza esplicita l’ansia con cui l’elastico Burlesquoni e il suo socio Bertolaso hanno disperatamente cercato di trasformare la Protezione Civile in una società per azioni: a quel punto, il meccanismo sarebbe stato perfetto. Come Protezione Civile avrebbero potuto decidere di considerare qualsiasi cosa un “grande evento”; sempre come Protezione Civile avrebbero potuto farsi dare i soldi dai cittadini; e infine come SpA avrebbero potuto ridistribuire quei soldi agli azionisti… cioè a sé stessi. La macchina del moto perpetuo.

 

Ma non volevo parlare di questo. Queste cose voi le sapete benissimo.

La mia accorata domanda è: ma queste leggi putribonde il governo Monti le ha abrogate, o no?

No perché, come forse sapete, in Emilia c’è stato un terremoto che ha causato incommensurabili perdite umane, ma anche ingenti danni economici.

E, come credo sappiate, per cercare di metterci una pezza servono soldi, molti soldi.

Ora, ai cittadini è stato chiesto di mandare degli SMS benefici, di portare ai centri di raccolta abiti e alimenti, di sopportare un rincaro della benzina, e si attendono altre ideone.

 

Solo che, esattamente negli stessi giorni, sua santità ha deciso di fare un weekend lungo a Milano, con tutta la sua corte (dei miracoli, è il caso di dirlo). Tre giorni di visita apostolica, con effetti speciali e coreografie che non si vedevano dai tempi delle parate di Norimberga degli anni ’30, o delle olimpiadi in Unione Sovietica. Tre giorni tra l’altro scelti proprio un po’ alla cazzo di cane, come diceva San Guisuga: ma come, sei un capo di stato straniero ospite nel nostro Paese, e per fare il tuo mega-rave party scegli proprio il giorno in cui si celebra la festa della Repubblica che ti ospita? Sarai mica un po’ str…ambo?

 

In ogni caso, vi prego, tranquillizzatemi. Ditemi che il carnevale della Grande Meringa NON E’ un “grande evento”, di quelli che alla fine sono pagati dai cittadini italiani. Ditemi che lo Stato italiano, attraverso la Protezione Civile, non ha sganciato un euro. Ditemi che tutti i soldi disponibili sono andati alle popolazioni colpite dal terremoto. Ditemi che il megaraduno se lo sono pagati tutto di tasca loro (sarebbe la prima volta, ma c’è sempre una prima volta, come mi diceva la mia fidanzata delle medie). E, già che ci siete, ditemi che anzi i Vatican People hanno avuto la compiacenza di pagare qualcosina al comune di Milano per gli inevitabili disservizi che avranno causato.

 

Ditemi che mentre noi siamo qui a mandare SMS al 45500, la Grande Meringa non si è fatta pagare i suoi bagordi dalla Protezione Civile. Ditemelo in fretta, perché potrei incontrare a breve gente che passerà un’altra notte in macchina, o in tenda, o accampata a casa di amici, e vorrei poter dir loro qualcosa di confortante.

Ditemi che ci siamo lasciati una volta per tutte la Repubbica del Cabaret, davvero, alle spalle.

 

 

I tabelloni sono tratti dal documentario “Draquila”, di Sabina Guzzanti (2010).
Il termine “Grande Meringa” è preso in prestito da Stefano Benni, “La compagnia dei Celestini” (1992).

 

Annunci

Discussione

24 pensieri su “Terremoto: vi prego, tranquillizzatemi

  1. Ciao. Non so vorrei essere sicurissima e dirti MAI E POI MAI LA GRANDE MERINGA E’ UN GRANDE EVENTO ITALIANO PERCHE’ E’ CASOMAI UN GRADNE EVENTO VATICANO…
    Ma mi fai venire di quei dubbi tu….
    e mica solo a me
    leggi qui

    http://youwin.altervista.org/blog/dove-finiscono-i-soldi-degli-sms-per-i-terremotati-del-45500/

    Mi piace

    Pubblicato da dani2005dani | 4 giugno 2012, 12:08 pm
  2. ….eh eh eh la GRANDE MERINGA…ma quanto sono buffi vestiti così…

    Mi piace

    Pubblicato da dani2005dani | 4 giugno 2012, 12:14 pm
  3. Oggi ho intenzione di torturarti…
    http://nonleggerlo.blogspot.it/2012/06/non-e-il-palco-del-nuovo-world-tour-di.html

    Mi piace

    Pubblicato da dani2005dani | 4 giugno 2012, 1:29 pm
    • Aargh! Ho appena recuperato questo commento che era finito diosacome nello spam.
      Forse Afterfindus voleva proteggermi da un’ulteriore mazzata all’ulcera.

      …Ma quanti terremotati ci potrebbero stare sotto a quel tendone? Probabilmente l’intera Mirandola, con case e tutto. O magari si potrebbe usare per proteggere tutta Pompei dalle piogge acide.
      Großen Baiser, non ti sembra di esagerare un pochino?

      Mi piace

      Pubblicato da Niarb | 15 giugno 2012, 12:26 am
  4. QUI IN BEL GIOCHINO SUL PALCO DEL PAPA…
    http://inagist.com/all/208463672853528576/

    Mi piace

    Pubblicato da dani2005dani | 4 giugno 2012, 1:49 pm
  5. Daniela, cara, io apprezzo lo sforzo, ma la prossima volta che intendi tranquillizzarmi, preparami una camomilla. Perché i link che hai postato sono ben scritti, precisi, equilibrati, estremamente interessanti… ma tranquillizzanti, orcocan, proprio no! 😉

    Comunque non perdo la speranza…

    A proposito del giochino,



    io i Pink Floyd li ho visti dal vivo purtroppo una volta sola. Erano con un palco simile, montato su uno zatterone al largo della laguna di Venezia. Mmmm, che idea. Dici che Benny Sixteen si lascerebbe ormeggiare al largo anche lui? 🙂

    Mi piace

    Pubblicato da Niarb | 4 giugno 2012, 11:02 pm
  6. Come, c’eri anche tu a luglio del 1989 e non me l’hai detto???
    Potevo ospitarti abitavo ancora a venezia…
    Ehm in qualità di abitante della bella e delicatissima città lagunare devo dire che la trovata dei PINFLOI è stata poco accettata.
    Io ero alla festa del redentore, alla Giudecca, e sentivo tutto. Ma proprio tutto tutto tutto. E vedevo luci mirabolanti disturbare la pantegane…
    Insomma caro Niarb che ne diresti se alla mattina trovassi tanta ma tanta sporcizia davanti a casa tua (per esempio escrementi umani, lattine di birra, carte, plastiche ecc.) e tutta la città avesse l’aroma di un gregge di pecore???
    Per fortuna ha piovuto subito dopo…
    Anche quello fu un grande evento, ma il costo per la città fu alto. Infatti MAI PIU’. Nemmeno LUI.

    La B16 ROCK BAND a MAILAND però me la sono persa.

    SIGH E STRASOB…

    OK per la camo, con un po’ di miele di tiglio e castagno insieme…

    Mi piace

    Pubblicato da dani2005dani | 5 giugno 2012, 9:02 am
    • Sì, c’ero anch’io a Venezia nell’89. E forse mi hai anche visto: mi ero mimetizzato con uno dei miei travestimenti più riusciti: quello da pensilina del Danieli. All’inizio pensavo di fare il motoscafo della polizia, ma poi mi sarebbe toccato spostarmi di continuo, non ne sarebbe valsa la pena.
      E anch’io non ho dormito per strada – ero con un amico (mimetizzato da lampione) che aveva un appartamento, oh yes, alla Giudecca.

      Per la cronaca, negli anni ’60 pensavo di andare a Woodstock, travestito da chitarra di Jimi Hendrix. Poi, quando l’ha data alle fiamme, ho apprezzato la fortuna di essere in fasce…

      Mi piace

      Pubblicato da Niarb | 6 giugno 2012, 10:44 pm
  7. tu gurda cosa ho trovato su B16

    http://freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=354479

    Tra le frasi direi che questa è un summa di sfottò…

    “Mi impensierisce il constatare l’eccesso di lavoro cui ti devi sottoporre.Ora ti auguro una felice notte e ti invio un dolcissimo bacio sul ciuffetto ribelle che spunta sempre fuori dallo zuccotto”.

    Mi piace

    Pubblicato da dani2005dani | 5 giugno 2012, 9:08 am
  8. Ciao, vorrei semplicemente riportarti questa notizia:
    http://www.corriere.it/notizie-ultima-ora/Cronache_e_politica/Papa-dona-500-mila-euro-terremotati/03-06-2012/1-A_001647434.shtml
    …certo forse non sono abbastanza, forse si ha causato disservizi notevoli per la città; ma come ben sai vanno direttamente in aiuto alla popolazione colpita.
    Lo sai invece che i soldi mandati via SMS, circa 2 mln, vengono gestiti da un’agenzia di microcredito, la Etimos, che ne usa circa il 40% per gestione interna, ed il resto viene utilizzato per concedere PRESTITI agevolati alla popolazione colpita.
    Quindi: dei 2 euro che ciascuno regala alla popolazione, solo circa il 20% viene effettivamente regalato, il resto torna nelle tasche di chi gestisce la quesitone. Tirando le somme: 400.000 euro sono stati donati dagli italiani alle popolazioni, 1.600.000 euro vengono gestiti ed inglobati da protezione civile e Etimos; contro i 500.000 che direttamente vanno alle famiglie che sono state colpite dal disastro…

    Mi piace

    Pubblicato da Daniele | 6 giugno 2012, 6:21 pm
    • Ciao Daniele, e benvenuto su Afterfindus!
      Grazie del tuo contributo, che purtroppo fa il paio con l’articolo linkato da Daniela più su, in questa stessa pagina. Dico “purtroppo” perché, ovviamente, come tutti avrei preferito che i soldi donati da tante persone di buon cuore fossero effettivamente andati in toto alle popolazioni colpite. Spacciare un prestito agevolato per un aiuto diretto è una (…come si dice pure in latino? Ah sì:) PORCATA.

      Ma non abbattiamoci: abbiamo visto di peggio. Ai tempi della guerra nella ex-Jugoslavia, i biechi manovratori della Missione Arcobaleno fecero sparire direttamente denaro e merci, e tante grazie a tutti.

      Il contributo diretto del papa, che spero abbia viaggiato per vie meno traverse (…altrimenti, poveretto, gli sarebbe toccato mandare 250.000 messaggini 😉 ) è naturalmente una cosa bellissima. Qualsiasi contributo è una cosa bella: da parte della chiesa senz’altro, ma non sarebbe male neanche da qualche club di parlamentari, da SpA calcistiche, da associazioni di categoria… guarda, non è per essere blasfemi, ma andrebbe bene anche da parte dei nazisti dell’Illinois. E “io li odio, i nazisti dell’Illinois” (John Belushi, 1980).

      Scherzi a parte, onore al papa per la sua donazione. La mia assenza di tranquillità, però, deriva dal dubbio (ripeto: dubbio) che quello che viene donato con la mano destra, sia in realtà ricevuto con la mano sinistra. Nessuno mi ha ancora dimostrato che i viaggi del papa non sono più pagati dalla Protezione Civile, come avveniva solo pochi anni fa. Una missione apostolica non è un affare di stato italiano, non è un’emergenza, e non deve essere pagata con le nostre tasse.

      Perché altrimenti si presta il fianco al facile sarcasmo: che le visite del papa sono catastrofi, e che la popolazione civile ne deve essere adeguatamente protetta.
      Queste sono battutacce. Ma la sponsorizzazione da parte del nostro dissestato paese al ricco Vaticano, se reale, sarebbe molto, molto peggio.

      Ciao, spero di risentirti.

      Mi piace

      Pubblicato da Niarb | 6 giugno 2012, 11:07 pm
      • Sai, la visita del papa è stata pagata da noi. 13 milioni versati dalle nostre tasche e lui ha donato SOLO 500.000. Però qualche economista (mah…vediamo che fine stiamo facendo dando retta a quelle teste parziali) ha detto che l’indotto mosso dal papa pe rMilano si aggira (come il fantasma di Marx) sui 58 milioni.
        Sarà ma non ci credo. Vorrei sapere quanti milanesi sono stati contenti di avere strade interrotte, ritardi e case piene di agenzi segreti (o simili) perchè al papa non succedesse nulla. Qualcuno sospetta che l’aumento del tasso di invocazioni a Dio durante la vista di B16 sia dovuta a problemi di traffico…ma io, come sai, sono sospettosa. Nemmeno versare in pace due euro…nemmeno quello…rubano tutto, tutto…

        Mi piace

        Pubblicato da dani2005dani | 7 giugno 2012, 8:50 am
  9. Wow, la teoria dell’incremento di invocazioni è decisamente affascinante! Grazie, D2005D!
    Bene bene, mi piace questo scambio Daniela-Daniele. Daniele, tocca a te.

    E, in caso ci siano milanesi in ascolto: se avete avuto visite da parte di agenti segreti, siamo tutti curiosissimi di sapere come è andata. Vi scongiuro: voglio essere il Dan Brown del 2012!

    (e, Daniela: condivido al centopercento la tua amarezza…)

    Mi piace

    Pubblicato da Niarb | 7 giugno 2012, 11:40 pm
  10. ciò che dice daniele mi fa esclamare PD anche se io non intendo il partito. Ho versato almeno 4 volte.

    BRUTTE MERDE DEVONO MORI’
    ora mi riciclo il post perché merita.

    Mi piace

    Pubblicato da cavallogolooso | 8 giugno 2012, 8:30 pm
  11. mh. ho cercato qualcosa su etimos e vedo un po’ di fonti… http://www.google.it/search?hl=it&q=microcredito+etimos+sms+terremoto&meta=&rlz=1I7ADBF_it … vedo in giro “precisazioni” … mmh… vediamo vediamo…

    Mi piace

    Pubblicato da cavallogolooso | 8 giugno 2012, 8:32 pm
    • Grazie Cavallogolooso! Mi sto leggendo la risposta sdegnata di Etimos su Etimedia (che è un portale a cura di Etimos Foundation), e più leggo meno capisco cosa ci sia da sdegnarsi. Per loro, intendo.

      Etimos conferma che i soldi per l’Abruzzo non sono andati direttamente ai terremotati, ma a un fondo di garanzia per permettere ai terremotati stessi di ottenere prestiti… dalle banche, sempre dalle banche.

      Quindi i soldi sono serviti per convincere le banche a effettuare prestiti. Tanto per cambiare, con i soldi pubblici si sono pagate le banche per fare il loro lavoro.

      I prestiti non sono stati erogati a tasso zero o giù di lì, ma a un niente affatto ridicolo 4%, tasso che secondo Etimos “copre il lavoro di istruttoria e il costo del denaro utilizzato dalle banche, ma non genera per le banche stesse alcun profitto”. E anche questo è curioso: la BCE presta il denaro alle banche all’1%, loro lo ri-prestano al 4%… e non ci guadagnano. Non è fantastico?

      Dulcis in fundo, dei 5 milioni, 470.000 euro “sono stati destinati a spese di gestione e attività di formazione e accompagnamento dei destinatari dei crediti”. Buaargh, datemi un secchio, presto, non voglio sporcare il web!

      Per finire, sulla stessa pagina di Etimedia c’è un link a una tabella in cui, dicono orgogliosi, diamo in tempo reale l’andamento dell’erogazioni dei prestiti. Tali prestiti, affermano i benefattori di Etimos Foundation, permetteranno di “ottenere dalle banche finanziamenti per un ammontare complessivo pari ad almeno 10 volte l’importo iniziale delle donazioni”. Beh, sarà un caso, ma il dato in tempo reale di oggi è:

      Ricapitolando: 5 milioni donati, 5,1 milioni prestati (non 50), 470.000 € andati in gloria.
      Gli applausi a dopo.

      Mi piace

      Pubblicato da Niarb | 9 giugno 2012, 1:38 am
  12. Concordo con cavallogolooso. PD alla seconda…ma non è la targa di Padova…Daniela che passa dall’incazzatura lucida alla mesta depressione…

    Mi piace

    Pubblicato da Daniela | 14 giugno 2012, 2:40 pm

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto lama che danzavano sputando latte e miele)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: