(In)sostenibile, Mappamondo

Pasqua: quando ruppero tutte le uova

Come ho raccontato qui e qui, la storia dell’isola di Pasqua è sensazionale nella sua follia. La follia di un popolo che arriva ad autoestinguersi per il gusto di costruire delle statue, che ufficialmente rappresentavano degli antenati illustri, ma che in realtà erano un modo elaborato di dire “io ce l’ho più lungo del tuo”.

Attenti a esagerareInsomma, tagliarono tutti gli alberi. E, finita la legna, finirono gli animali, la possibilità di costruire, cuocere, cremare i cadaveri, costruire canoe per pescare. E il terreno si inaridì, rendendo impossibile coltivare. Eppure, ancora per qualche tempo, continuarono a scalpellare – circa metà delle statue dell’isola sono ancora là, nelle cave di Rano Raraku. Perché più le cose si mettevano male, più diventava importante chiedere aiuto agli dei. E quindi diventava sempre più pressante costruire statue ancora più alte.

Quando ormai avevano esaurito tutto il legno disponibile, quando gli animali erano spariti, e quando complessivamente erano arrivati agli sgoccioli, continuarono a scalpellare. Dire che non furono capaci di cogliere alcun segnale è un eufemismo. Questa gente ha continuato a premere sull’acceleratore mentre il cofano dell’automobile si stava già schiantando sul muro.

Ancora oggi nella cava si possono osservare abbozzi di statue di dimensioni tali che probabilmente non sarebbe mai stato possibile trasportare e issare sulle piattaforme. Ma, dico io, da che tipo di megalomania erano divorati questi tipi?

 
Nel 1680 la casta dei sacerdoti, evidentemente non più in grado di garantire prosperità e abbondanza, venne deposta da una ribellione capitanata da capi guerrieri. Gli equilibri saltarono, e fu guerra civile totale. Gli Ahu vennero smantellati per recintare orti e fosse comuni. Le statue dei clan nemici vennero abbattute, rendendo così doppiamente inutile la loro costruzione. Nel giro di breve, non restò altro che rovine.

Vista la situazione in cui avevano ridotto l’isola, ai Pisquani non restavano molte scelte per sopravvivere: o mangiare la terra, o mangiarsi tra loro. Per una serie di ovvi motivi, scelsero la seconda strada. Ma ormai si erano ridotti a creature deboli, sempre più stanche, e probabilmente anche depresse. Nel 1774 il capitano Cook passò da quelle parti e descrisse gli isolani come “piccoli di corporatura, scarni, timidi e infelici”.

Messi com’erano messi, dovettero rinunciare a costruire ulteriori faccioni, ma quelli che avevano ancora qualche energia scolpirono dei piccoli Moai detti “Kavakava” (probabilmente da tradurre “togli togli”, chiara allusione alla loro dieta), che rappresentano individui emaciati, con gote incavate e costole a fior di pelle.

 
Dopo il breve soggiorno del capitano Cook, per la serie “piove sempre sul bagnato” sbarcarono sull’isola alcune spedizioni provenienti dall’Europa, che portarono in regalo malattie letali, a cui gli abitanti non erano mai stati esposti prima. Una delle peggiori fu una micidiale epidemia di vaiolo nel 1836, che spazzò via una fetta consistente della popolazione.

A partire dal 1805, nonstante le loro scalcinate condizioni fisiche, gli abitanti di Pasqua finirono vittime del traffico di schiavi.

Nel 1863 una flotta di navi provenienti dal Perù si portò via circa 1.500 persone, dimezzando ulteriormente il numero degli abitanti rimasti. Dietro pressioni diplomatiche, il Perù ne rimpatriò una dozzina (i soli sopravvissuti) che però portarono a casa un’altra epidemia di vaiolo.

Nel 1872 erano rimasti sull’isola solo 111 individui, poveretti, non oso pensare in quali condizioni fisiche e psicologiche. Nessuna sorpresa se a nessuno di loro venne in mente di metter su un club Mediterranée e a darsi all’animazione turistica.

Nel 1888 l’isola di Pasqua fu annessa al Cile e diventò un allevamento di pecore gestito da una società scozzese. Gli abitanti furono (nuovamente) ridotti in stato di schiavitù. Soltanto nel 1966 divennero cittadini cileni.

 
Ha una morale questa storia? Boh. Forse. Vediamo un po’.

 
Ispirato da Jared Diamond, “Collasso”, 2004.
 

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

warnoter

L‘insostenibile leggerezza dell'essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto bulbi che piangevano rugiada bicolore)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: