Mappamondo

Incontri ravvicinati di un brutto tipo

Che ci crediate o no, all’alba del Terzo Millennio non era stato ancora registrato nessun contatto tra la razza umana e specie provenienti da altri pianeti. Nessun contatto ufficiale, sia ben chiaro.
In realtà, erano moltissimi gli individui che, convinti o in malafede, assicuravano di essere già stati contattati.  Malauguratamente, a parte quei pochi casi oggi ben noti (riguardanti quasi esclusivamente personaggi politici), tutti gli altri risultarono essere volgarissime bufale.

 
Nel mondo dell’immaginazione, invece, questi contatti erano assai frequenti.  L’industria cinematografica sfornava con cadenze serratissime film in cui, in un modo o nell’altro, la Terra riceveva visite da ospiti provenienti dallo Spazio.

Quello che stupisce è che l’incontro con una razza aliena, potenziale occasione per espandere in maniera inimmaginabile la sfera delle nostre conoscenze e la percezione del posto dell’Uomo nell’Universo, veniva sfruttata dagli sceneggiatori di Hollywood solo per riciclare copioni vetusti, già sfruttati all’inverosimile: inseguimenti, sparatorie, duelli, battaglie, astronavi che esplodono, il solito bla bla bla.  Pare che, utilizzando la funzione “trova e sostituisci” degli antichi word processor, fosse possibile ricavare in poche ore dalla stessa storia un copione western, una gangster-story, un poliziesco, un film sulla seconda guerra mondiale, uno sul Vietnam, e ovviamente un film di fantascienza mainstream.  Le immense possibilità messe a disposizione da un incontro con specie più avanzate finivano il più delle volte totalmente sprecate.

Per un “2001 Odissea nello Spazio”, un “Incontri ravvicinati del terzo tipo”, o un “Contact” (film di un certo qual livello), si contano infatti una miriade di vaccatone del calibro di “Attacco alla Terra”, “Ultimatum alla Terra”, “Cacchio, arrenditi Terra”, “Independence day”, “Il giorno dei trifidi”, “La notte degli ultracorpi”, “Il pomeriggio delle conocchie di Vega”, “Invasion”, “La cosa”, “Predator”, “Alien”, “Alien 2”, “Alien 3”, “Alien N” (con N grande a piacere), “Alien contro Predator”, “Predator contro Alien”, “Alien-Predator: lo spareggio”,  “Alien e Predator contro Rambo e Mazinga”, e via di questo passo.

Niarb il Giovane, “Attacco alla Terra”, Guggenheim Museum, New York

A quanto pare la linea filosofica prevalente, in quei secoli miopi e xenofobi, era del tipo:

  1. Il Cosmo pullula di razze avanzatissime.
  2. La prima cosa che una razza avanzatissima fa appena entra in contatto con una specie di livello inferiore è, ovviamente, sterminarla.
  3. Di conseguenza, la prima cosa da fare in caso di contatto con un’altra specie probabilmente più avanzata(1) è cercare di annientarla prima che lei annienti noi.

Probabilmente era un problema di coda di paglia.

Il punto 1 infatti non era una certezza, ma l’espressione della fifa archetipica che ci ci sia sempre in giro, da qualche parte, qualcuno più bullo e più cattivo di te.

Il punto 2 è una supersintesi della storia umana.  Si applica a meraviglia a pressoché tutti i rapporti tra popoli documentati su questo pianeta. C’è da dire però che non sta scritto da nessuna parte che questo tipo di comportamento costituisca la norma negli altri angoli dell’Universo (che, ve lo avranno detto, è piuttosto grande).

Il punto 3 è l’ovvia conseguenza di questo sillogismo zoppicante.  Chiamatelo “difesa del territorio”, chiamalo “salviamoci il culo”, ma di fatto significa sempicemente: me ne frego dei potenziali vantaggi dell’incontro con qualcuno più avanzato di me.  Mi preoccupo di quanto saranno più avanzate le sue armi. E, nel dubbio, sparo per primo”.

 
Su un frammento che ho scongelato di recente, però, c’è una spiegazione un po’ più articolata di questo modo di pensare.  L’autore la mette in bocca a una generalessa americana, ma potrebbe tranquillamente essere declinata per qualsiasi altro militare di una qualsiasi altra superpotenza.  Nel libro ci si riferisce ad una specie di microplancton superintelligente, ma qui sull’iGloo la annoto riferita a dei generici “alieni”, perché rende meglio l’idea.

 
La parola al generale Judith Lee:

“Un accordo con gli alieni?  La possibilità ci è preclusa. Contraddice gli interessi del nostro Paese.  Anche una semplice coesistenza sarebbe una ammissione della nostra sconfitta, una sconfitta dell’umanità, della fede in Dio, della fiducia nella nostra egemonia.  Ma la cosa peggiore di una coesistenza è che porterebbe a un nuovo ordine mondiale.  Rispetto agli alieni, saremmo tutti uguali.  Ogni Paese che possiede una tecnologia sviluppata potrebbe comunicare con loro.   Tutti cercherebbero di speculare, di stringere alleanze con loro, di entrare in possesso delle loro cognizioni, e magari qualcuno prima o poi riuscirebbe persino a sconfiggerli.  E arriverebbe a dominare il pianeta.

Noi, gli Stati Uniti, dobbiamo arrivare a quelle conoscenze e nel contempo impedire ad altri di arrivarci.  Non possiamo permettere che il mondo condivida il sapere degli alieni, quindi dobbiamo distruggerli e preservare quel sapere.

E dobbiamo essere noi a distruggerli.  Non possiamo permetterlo a nessun altro, nemmeno a quegli smidollati dell’ONU, in cui ogni straccione ha un posto e un diritto di voto.  Così saremo definitivamente noi a guidare la storia di questo pianeta e nessun dittatore, nessun regime che non ci sia amico potrà mettere in discussione questa egemonia.  Quindi, ripeto, non c’è alternativa: bisogna liberare il mondo dagli alieni.”

 
Maledetta Judith Lee, forse hai ragione.  Ma mi hai tolto per sempre il gusto di giocare a Space Invaders.

 
Scongelato da Frank Schätzing, “Il Quinto Giorno”, 2004.
 


Nota 1: E se hanno le astronavi e il raggio della morte, allora non è più questione di “probabilmente”. Sono più avanti loro. Torna su

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
angolo del pensiero sparso

voli pindarici sulla caleidoscopica umanità

La Volpe Spettinata

TUTTI I GIORNI UN NUOVO ARTICOLO!

{Judith Laughs Loudest}

[Pensieri (tra parentesi)]

Nosce Sauton

I pensieri, condivisi dai più saggi nel corso delle loro vite, vengono pubblicati ogni giorno alle 08:08. Per non perderli iscrivetevi al blog o alla mailing list in fondo alla pagina, oppure salvate la pagina tra le preferite.

un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

warnoter

L‘insostenibile leggerezza dell'essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: