EgoNomia

Un tanto al chilo

– Escludete mio figlio dal college adesso, a 15 anni?
– I suoi risultati non sono abbastanza alti.

(Lo guarda negli occhi, incredulo.
Poi abbassa lo sguardo all’altezza della cintura)

– Quant’è il suo giro vita? 80 centimetri? Diciamo 83 di cavallo?
– Non capisco dove vuole arrivare…
– Sta dicendo che ci vogliono due numeri per misurare il suo culo, ma uno solo per misurare il futuro di mio figlio.

(Matthew Mc Conaughey in “Interstellar“)


 
Deve esistere un modo per determinare il valore delle cose, no?
Di tutte le cose.
Altrimenti poi come potremmo costruirci scale di valori, fare scelte, proporre scambi, concepire baratti, fare paragoni?

Il guaio, ovviamente, è l’unità di misura.
Le distanze si misurano in metri, la temperatura in gradi, il volume in metri cubi, il fatturato in euro, la memoria in byte.
E poi la bravura in applausi, il dissenso in fischi, i dolci in ore di cyclette, un film in incassi (o in pomodori, o in popcorn), e la tristezza (secondo Elio e le Storie Tese) in litri. Di lacrime.

Cose diverse, unità di misura diverse.
Ma così è un caos. Quanti gradi ci vogliono per fare un metro, un euro o un litro? Quanti applausi compensano un fischio, quante risate un litro di lacrime?
Come è possibile convertire da una scala a qualsiasi altra?
Non funziona. Ci vorrebbe un sistema unico (magari non precisissimo, ma unico) per misurare qualsiasi cosa.

Il valore delle cose

Qualche tempo fa parlavo con un imprenditore che esporta in giro per il mondo un mucchio di aggeggi diversi.
E quando dico “un mucchio” intendo roba che va da gommaccia appiccicosa a ferraglia appena verniciata a strambe macchinette abbastanza ingegnose, fino a sofisticatissimi congegni hardware/software in grado di far cose mirabolanti che non posso descrivervi per motivi di patent pending e anche perché, qui dentro, la pubblicità si paga.

In ogni caso, quando gli ho chiesto come facesse a tener dietro ai volumi di esportazione in base a periodo di vendita, tipologia di prodotto, valore economico, area geografica, settore di applicazione, più due o tre altri parametri che mi tengo sempre pronti per fare un figurone in occasioni come queste, lui mi ha guardato e mi ha sorriso come si potrebbe sorridere a un pluriripetente di seconda elementare.
Poi mi ha snocciolato la sua risposta, con la stessa semplicità con cui Cristoforo Colombo sbattè il famoso uovo sul tavolo.
(Un aneddoto cretino, per inciso. Cosa c’entra Cristoforo Colombo con le uova, non s’è mai capito. Non era quello delle tre caramelle?)

 
Dicevo: la risposta semplice e lampante del mio intervistato è stata: il peso, mio caro Watson.

E’ il peso l’unità di grandezza fondamentale.

Il peso è la proprietà che dà sostanza alla materia
(Se non hai peso, non esisti)
(O magari esisti, ma fai fatica a importi alle riunioni di condominio)
Il peso è la proprietà che plasma la natura dei pianeti
Nonché il fattore che determina le loro orbite.

Il peso dei corpi celesti curva lo spazio cosmico
E accelera o rallenta lo scorrere del tempo
(Esatto, non è il vostro orologio che è una ciofeca. E’ Einstein che suona il blues)

Il peso di un oggetto allude all’energia che vi è annidata dentro.
Tra le grandi forze della fisica:
– il magnetismo lo si usa dalla preistoria
– l’elettricità da un paio di secoli
– il nucleare da meno, ma potrebbe anche bastare
Ma nessuna di loro, nessuna, riesce ad arrivare dove arriva la gravità
Il peso esiste perché è figlio della gravità
E senza gravità non si va da nessuna parte.

Ma anche la storia umana è la storia della misura del peso:
La bilancia fu il primo strumento di misurazione costruito dai primi cavernicoli
(anche se alcuni insistono che sia stato il test di gravidanza)
La ruota fu costruita per trasportare pesi
La catapulta per lanciarli
Pitagora sfornò il principio di galleggiamento basato sul peso dei corpi e dell’acqua
E duemila anni dopo siamo ancora qui a parlarne

 
Insomma il peso è davvero l’unità di misura più completa e universale che si possa concepire.

Ed è per questi nobilissimi motivi
(oltreché per il mio desiderio smodato di dimostrarvi la mia padronanza dei fogli elettronici)
che sono qui oggi a lanciare la quipresente

Mirabolante
Inattesa
Utilissima
Fondamentale

 

TABELLA UNIVERSALE DEI VALORI PONDERALI

 
(vi sento applaudire: grazie)

 
Grazie a questa tabella potrete finalmente sapere se vale più Belen Rodriguez o un iPhone, una Ferrari o il tartufo, un maiale o il petrolio, un Big Mac o la portaerei Cavour.

Ritengo che grazie ad un uso accorto di questi dati potrete accrescere immensamente la vostra cultura, rafforzare la vostra comprensione del mondo che vi circonda, e apprendere il modo giusto per approcciarvi a tutti quei problemi della vita che, fino a oggi, opprimevano ingiustamente il vostro spirito.

 
Ma potrete anche vincere innumerevoli scommesse, risolvere ogni genere di serate, e (chissà) magari pure vincere l’amore di quella bestiaccia che fino ad oggi fingeva di ignorarvi, ingiustamente sottovalutando il vostro (ohibò) valore.

La tabella (o meglio, La Tabella) verrà da oggi in avanti aggiornata con Metodo & Precisione, anche se con cadenza rigorosamente indefinita.

Provvederò in ogni caso ad aggiornarla in occasione di ogni vostro grazioso suggerimento, o della prossima visita dal carrozzaio, che lì sul valore delle cose se ne imparano sempre delle belle.

 
Vi lascio quindi alla contemplazione della Tabella, ricordandovi che per qualsivoglia dubbio, consiglio o recriminazione c’è qui sotto un apposito rettangolino bianco che adora essere riempito.

Buona lettura!
 

UnTantoAlChilo

Annunci

Discussione

6 pensieri su “Un tanto al chilo

  1. Splendida.
    E assolutamente illuminante per chi non ha ancora capito che Apple vende fuffa un tanto al chilo. E il “tanto al chilo” e’ piu’ del prezzo del tartufo bianco…

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da Barney Panofsky | 13 settembre 2015, 7:56 pm
    • Interessante, vero, cosa si potrebbe fare con qualche chilo di iPhone? 😉
      L’unica nota positiva di questa indagine è che gli esseri umani occupano la zona alta della classifica.
      Anche se, ora che mi ci fai pensare, forse dovrei inserire il valore di un impiegato o operaio da 800 euro al mese che pesa un’ottantina di chili, o di un esodato su di trigliceridi… :-O

      Mi piace

      Pubblicato da niarb | 16 settembre 2015, 9:08 am
  2. L’ha ribloggato su BarneyPanofskye ha commentato:
    Eccellente analisi del prezzo delle cose (o delle persone) di niarb-AfterFindus. Si scopre dalla sua tabella (che spero venga davvero manutenuta ed aggiornata con metronomica periodicita’) che l’iBook Apple costa al chilo dieci volte di piu’ d’una Ferrari F40. Ma anche quattro volte e mezzo il prezzo dell’argento…
    Illuminante, veramente.

    Barney

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da Barney Panofsky | 16 settembre 2015, 9:39 am
  3. iAnche se ci limitiamo ai prezzi di categoria c’è molto da imparare. Ieri al supermercato ho dterminato che l’alimento piu costoso sono le mentine Frisk, a 166 euro al Kg. Si piazzano fra la Ferrari F40 e il profuno Deolce&Gabbana.

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da ijk_ijk | 16 settembre 2015, 9:17 pm
    • Grandissimo ijk_ijk, da questo momento arruolato ufficialmente come Grande Occhio Sul Campo!
      Aggiornerò immediatamente la tabella.
      Le mentine, pensa te. Mi sarei potuto far passare il complesso della F40 guadagnandoci pure in alito.

      Comunque mi tornano in mente le gloriose immagini di “Il senso della vita” dei Monty Python: “E per finire, monsieur, posso offrirle una mentina?”

      Mi piace

      Pubblicato da niarb | 17 settembre 2015, 10:34 am
      • Attenzione, attenzione! In base ai miei calcoli il rapporto €/Kg suggerito da ijk_ijk per le mentine Frisk è MOLTO più alto: 522, qualcosa in meno dell’Airbus A380, ma più dell’argento. Mi sbaglio?

        Ho approfittato dell’occasione per includere anche il valore di un lavoratore da 1.000 euro al mese che pesa 80 kg, con e senza famigliari a carico.

        Mi piace

        Pubblicato da niarb | 18 settembre 2015, 12:17 pm

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

warnoter

L‘insostenibile leggerezza dell'essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto bulbi che piangevano rugiada bicolore)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: