Italia bella

Amos Nattini: una Commedia *veramente* Divina

Lo so, lo so. Non è il mio mestiere.

Però ve ne dovevo assolutamente parlare, anche perché il tempo stringe.

Cari Afterfindusiani, se per caso vi capita di passare dalle parti di Parma, Italy, in questi roventi giorni di fine giugno (sì, va bene, io scrivo da un futuro remoto, tutto freddo e ghiacciato, però cavoli: lasciate che per una volta mi immedesimi nei vostri tempi burloni, Zio Pack!), se passate dalle parti di Parma, dicevo, non potete assolutamente perdervi la mostra “Divina Commedia” presso la Fondazione Magnani Rocca, in quel di Traversetolo.

Lo ripeto, non sono un critico d’arte. Sono un critico e basta. E quindi non ho i mezzi per fare paragoni arditi, né per stupirvi con recensioni dotte e tecnicismi giuliocarloarganiani. Però non posso fare a meno di gridarlo ai quattro venti: ho visto questa mostra, e la mascella ancora mi penzola.

Fatevela penzolare anche voi, se vi va. Se l’arte grafica ha un seppur minimo impatto sulle vostre sinapsi, catapultatevi. Mi ringrazierete.

La suddetta Fondazione è una splendida villa persa nelle campagne parmensi (una mezzoretta scarsa da una qualsivoglia autostrada), con un bellissimo giardino allietato da gruzzolo di pavoni bianchi, blu, e uno principe di Galles (che, mi hanno spiegato, era in origine un normale pavone bianco ma una sera è inciampato, ed è finito sulla griglia del vicino ristorante). La mostra è dedicata a tre illustratori della Divina Commedia: l’arcifamoso Gustave Doré, che tutti conosciamo (vero?), Francesco Scaramuzza, decisamente meno noto, e il per me assolutamente sconosciuto (fino ad oggi) Amos Nattini.

Le incisioni di Doré, bellissime, sono le illustrazioni per antonomasia del poema di Dante. Tratto fulminante, atmosfere immaginifiche, invenzioni fantasmagoriche. Le opere di Scaramuzza, a un becero profano come il sottoscritto, appaiono altrettanto belle: tecnicamente perfette, ricche di fantasia, ineccepibili.

E fin qua, mostra di prim’ordine, cervello felice, libido sotto controllo.

 
Ma dopo una rampa di scale, bum! Un’esplosione di luci e di colori, di scene straordinarie, di idee semplicemente geniali, di AAArte con tre “A”, tutte maiuscole e profumate di ambrosia. Il bunga-bunga della ghiandola dell’estetica.

Davvero, non sapevo niente di Amos Nattini. E niente vi dirò: se volete delle informazioni biografiche, ve le andate a leggere sul sito della Fondazione, o dove vi pare. Vi dico solo che ha dipinto questi spettacolari 100 acquerelli (uno per ogni cantica della Commedia) tra il 1919 e il 1939: dieci anni per l’Inferno, sei per il Purgatorio, due per il Paradiso. Una progressione che la dice tutta.

Il soggetto dei quadri ve lo potete immaginare, ma è la tecnica, santapace, che è stellare.

 
Corpi muscolosi come i supereroi della Marvel. Donne sensuali e disperate, un mix tra Gaugin e Manara. Mostri e mostrini, a metà tra il Signore degli Anelli e le copertine degli Iron Maiden. Atmosfere fantasy erotiche e rarefatte come nelle illustrazioni di Boris Vallejo. I paesaggi di Pianeta Rosso e quelli di Avatar. E poi le masse umane di Mordillo, i vortici di colore di Van Gogh, le sciabolate di luce di Rembrandt, le figure dark alla Frank Miller, le prospettive paesaggistiche di Canaletto, William Turner e Terragen Classic, le inquadrature sghembe della Pixar, il dettaglio di certi particolari che solo la mia antica Olympus Miu riusciva a ottenere, prima che quel tassista figghientrocchia me la facesse sparire, con dentro tutte le foto del Titicaca.

 
Purtroppo le riproduzioni che ho trovato googlando qua e là non rendono l’idea. Ma così come sono convinto che il fine ultimo dell’invenzione del pianoforte fosse l’ouverture di “New York City Serenade” di Bruce Springsteen, allo stesso modo credo che, alla morte di Nattini, l’acquerello avrebbe dovuto essere bandito, per legge.



Argh, mi sento meglio. Ve lo dovevo dire. Se vi sbrigate ad andarci, il catalogo ve lo tirano dietro a prezzo stracciato. E occhio perché è un susanello da cinque chili.

Se doveste andare dopo il primo di luglio, però, sappiate che troverete soltanto i pavoni.

E vedrete che su quello principe di Galles non raccontavo balle.

 

Annunci

Discussione

5 pensieri su “Amos Nattini: una Commedia *veramente* Divina

  1. Finalmente informazioni interessanti.
    Vorrei provarci, ma CASPITERINA non potevi farlo prima sto accidenti di servizio di critico d’arte????
    🙂 🙂

    Mi piace

    Pubblicato da dani2005dani | 20 giugno 2012, 9:12 am
  2. come cavolo si fa a mandare una faccina dove mi rotolo da ridere?

    Mi piace

    Pubblicato da dani2005dani | 21 giugno 2012, 10:34 am

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto lama che danzavano sputando latte e miele)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: