Italia bella

Destra o sinistra? Avete cotto il razzo.

Mi chiedete se il futuro sia di destra o di sinistra. Se Afterfindus sia un sito di destra o di sinistra. Se io sia di destra o di sinistra.

Dal numero di richieste che ricevo, e dal loro tono, capisco che si tratti di una questione importante.

Magari per qualcuno è così importante che, in base alla mia risposta, potrebbe scegliere di pubblicizzare con entusiasmo la frequentazione di questo sito, oppure potrebbe decidere seduta stante di abbandonarlo per sempre. Accipicchia.

Mi piacerebbe, davvero, darvi la risposta giusta.

 
Disgraziatamente, per quanto mi sforzi, non riesco proprio a capire il senso della domanda.

E mi verrebbe anzi da dire che questa faccenda della destra e della sinistra ha decisamente cotto il razzo.

 

Di destra o di sinistra? Perché non mi chiedete se sono guelfo o ghibellino? Orazio o Curiazio? Esseno o zelota? Se tifo per i Colonna o per gli Orsini? Se sto con i Montecchi o i Capuleti? Se simpatizzo per gli Aymara o per i Quechua? Per i Panda di Minneapolis o i Capretti di Nashville? Per gli Hutu o per i Tutsi? (Beh, qui è facile: per i Tutsi.) Per i Romulani o per i Klingon?

“Destra” e “sinistra” sono due categorie del passato, nate nel passato per dare risposte ai problemi di quel tempo (che, neanche a farlo apposta, è passato). Un tempo che, in quanto passato, non c’è più, come i lampioni a petrolio, i gettoni del telefono e i mangiadischi. Un tempo che oramai ha fatto il suo tempo (com’è ovvio), e non ha proprio alcun senso continuare ad accapigliarsi e dividersi, oggi, in suo nome.

 
Quando sono nate le filosofie che sintetizziamo con “destra” e con “sinistra”, le persone avevano una mentalità diversa da quella odierna, e si confrontavano con idee, problemi e categorie che non sono quelle attuali. Lo stesso modo di sentire era diverso.

Avrebbe senso chiedere a un senatore dell’antica Roma se preferisce i Macintosh o i compatibili Windows? Credete che Gengis Khan potrebbe prendere posizione sulle cellule staminali? O un chierico medievale sull’uso del playback a Sanremo?

 
Le persone che hanno inventato e costruito le filosofie della destra e della sinistra non potevano nemmeno lontanamente concepire questo presente, men che mai pensare di rifornirlo di soluzioni ideologiche pronte all’uso. Perché, miei giovani padawan, appartenere a una fazione, abbracciare una ideologia, essere schierati significa sposare le tesi che quella fazione o quella ideologia hanno già, pronte e sfornate, senza il fastidio di essere costretti a star lì a pensare con la propria testa.

Dirsi “di destra” o “di sinistra” nel XXI secolo è quindi assolutamente inutile, oltre che anacronistico.

Per vivere (e sopravvivere) in questi anni tumultuosi occorre saper discutere (e a fondo) di altri argomenti, che ahimé non si trovano né ne Il Capitale né in Mein Kampf, non negli scritti di Togliatti né in quelli di Almirante. Tanto per fare qualche esempio:

 
Economia, Lavoro e Società

  • Come porsi nei confronti della globalizzazione? Avanti tutta, o servono delle regole? E, nel caso, quali?
  • Delocalizzare il lavoro nei paesi in via di sviluppo è un modo per aumentare la competitività o per condannare a morte le industrie nazionali?
  • Gli immigrati portano delinquenza, o si fanno carico dei lavori che a noi non vanno più bene?
  • Più diritti ai lavoratori (con il rischio di soffocare le imprese), o maggiori libertà agli imprenditori (con il rischio di allevare una generazione di potenziali dipendenti senza esperienza, senza passione, senza capacità e senza motivazione)?
  • I diritti e le libertà dei cittadini di un paese sono uguali per tutti, o dipendono da dove si è nati?
  • Uno che immigra dalla Svezia o dagli Stati Uniti è intrinsecamente diverso da uno che immigra da Durazzo?
  • Il risparmio individuale fa bene ai cittadini o fa male all’economia? E, nel caso, se l’economia ha interessi contrari a quelli dei cittadini, perché mai una società dovrebbe osannarla tanto, e non considerarla invece alla stregua di una calamità naturale?
  • E’ lo Stato a doversi appoggiarsi sulle banche, o le banche sullo Stato?
  • Qual’è il confine tra investimento e speculazione?

 
Energia e Futuro

  • Cosa facciamo, ora che il petrolio si sta esaurendo? Servono nuove fonti energetiche, oppure occorre migliorare il modo in cui usiamo quelle attuali?
  • Bisogna investire di più sulle fonti rinnovabili o concentrarsi sulla riduzione dei consumi?
  • Nucleare, carbone o bicicletta? E gli anziani?

 
Medicina, Bioetica e Genetica

  • Tutto è lecito, o bisogna porsi dei limiti? E’ giusto intervenire su embrioni malformati?
  • Fino a che punto è lecito intervenire sul corpo umano? Curare una malattia o ricostruire un volto sfigurato da un’ustione è così filosoficamente diverso da impiantare delle turbotette?
  • L’applicazione della generica all’agricoltura (i famosi OGM) è una mostruosità, o un metodo figo per avere mandarini senza semi?

 
Democrazia e Informazione

  • Come si distingue un evento dalla sua interpretazione?
  • La democrazia è la prevalenza della maggioranza sulla minoranza, o il capriccio di piccole minoranze molto attive sulla grande massa inerte?
  • Come bilanciare il diritto alla privacy con il diritto all’informazione?
  • Come separare informazione da pubblicità?

 
Io una risposta per tutte queste domande, sfortunamente, non ce l’ho.
Ho qualche idea. Sparsa, confusa, spesso deboluccia. Ma neanche su tutto.

Avrei invece un bisogno disperato di approfondire, di sviscerare, di discutere, di imparare.
Avrei bisogno di sentire gente in gamba che ne parla, e di confrontarmi con teste ed esperienze diverse dalla mia.

E non per una malcelata forma di onanismo intellettuale. Semplicemente perché la risposta a tutte quelle domande (e a molte altre, che al momento non mi vengono in mente), disegneranno in modo preciso il mondo in cui mi troverò a vivere io, e dopo di me i miei figli. E poi i loro.

Mentre invece continuare a berciare intorno a maschere e bandiere della preistoria non cambierà uno iota del futuro. Se foste stati sul ponte del Titanic mentre affondava, pensate davvero che sarebbe cambiato qualcosa se l’orchestrina avesse suonato Faccetta nera o l’Internazionale?

Ci sono molti modi diversi di essere furbi. Parlare di destra e di sinistra non è uno di questi.

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto lama che danzavano sputando latte e miele)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: