Ossi Neri

Gli ossi neri vanno alla guerra /parte 1

Vi ho già raccontato della curiosa usanza degli Antichi Padri di parlare per ossimori (qui). Gli ossi mori, o “ossi neri”, furono una costante dei primi decenni del XXI secolo. Abbiamo visto insieme qualche esempio di quelli più usati nella vita di tutti i giorni (che già non sono male), ma la vera miniera l’ho scovata altrove: nella terminologia legata in qualche modo alle armi e alla guerra.

Proprio così: alla fine furono i militari, tradizionalmente descritti come omaccioni violenti e ignoranti, a coniare alcuni degli ossi neri più sottili e fantasiosi.
Chissà, forse è un’ossimoro anche questo.
Del resto, che il lessico della guerra fosse più ricco e glamour del lessico quotidiano non deve sorprendere più di tanto. Con tutto il denaro, l’energia e l’entusiasmo che l’umanità ha sempre riposto in questa attività, sarebbe strano se non ci fossero rimasti tanti begli ossicini scuri su cui riflettere.

Eccone alcuni:

 

Guerra civile

Termine molto antico, ampiamente in uso già prima del XXI secolo. Sta a significare: guerra non dichiarata in modo ufficiale, e combattuta non tra eserciti regolari, ma tra persone comuni – connazionali, concittadini, colleghi, compagni di scuola, vicini di casa, a volte persino parenti e amici. Sembra una distinzione da poco, ma non è così.

Infatti, mentre le guerre “incivili” si svolgevano in appositi campi di battaglia, normalmente fuori dalla cerchia urbana – probabilmente anche per la maggiore facilità di parcheggio, le guerre “civili” erano combattute strada per strada, casa per casa, stanza per stanza. Asili, scuole, chiese, ospedali: non c’era luogo che potesse essere considerato sicuro.

Inoltre, nel corso delle guerre “incivili” venivano rispettati almeno alcuni criteri minimi di decenza: trattati di non belligeranza, tregue, armistizi, convenzioni internazionali sul trattamento dei prigionieri. Tutta roba invece non applicabile per le guerre “civili”. (Le guerre “civili”, per inciso, non erano nemmeno previste come causa di intervento da parte delle forze internazionali di pace.)

Le guerre “incivili” del passato, infine, poggiavano tutto sommato su una qualche forma di codice etico: la cavalleria, il senso dell’onore, la compassione per i vinti. Le guerre “civili” furono invece un trionfo di stragi al mercato, bambini kamikaze, e stupri di massa.

Dove sia l’ossimoro, è evidente. Con tutta probabilità, prima di capire dove albergasse la “civiltà” negli infiniti episodi che ci hanno lasciato in eredità i secoli XX e XXI faremo in tempo a decifrare l’antico ittita, a scoprire la marca dell’acqua di colonia preferita dagli yeti, e il colore degli occhi di quei gattoni venusiani che riempirono di graffiti l’altopiano di Nazca.

 

Guerra santa

Altro ossimoro di vecchia data, uno dei più (ab)usati nella storia dei primati.

Cos’è la guerra lo sappiamo. Cos’erano i santi, ve lo dico io.

I santi dell’iconografia tradizionale erano signore e signori generalmente miti, gentili, tranquilli e inoffensivi. Ostentavano, è vero, alcune piccole eccentricità leggermente radical-chic – tendenze autodistruttive, autolesionismo (in particolare verso mani e costato), una netta refrattarietà nei confronti del sesso, la mania di farsi ritrarre con un piattino dorato fissato dietro alla testa – ma, a parte questo, in genere si trattava di brava gente.

Le guerre sante invece furono eventi decisamente meno leggiadri. La Storia ne ha registrate innumerevoli, più o meno sparpagliate per tutti i secoli. Tutte, indistintamente, caratterizzate da massacri, carneficine, stragi, bagni di sangue, genocidi e stupri di ogni sorta. Dalle crociate contro Gerusalemme a quelle contro le armi fantasma degli iracheni, dai massacri di religione nella Francia del 1500 all’intifada palestinese, dal genocidio delle civiltà preincaiche da parte dei Conquistadores alle varie stragi delle “streghe”, dalla Blitzkrieg di Hitler allo Shock And Awe di Giorgetto Viva il Cespuglio, dai pogrom contro gli eretici alla jihad degli estremisti islamici… Potrei continuare. Ma non scoprireste nulla di più: storie di prepotenza, soprusi, dolore, devastazione, caos e morte.

La cosa curiosa è che per essere definita “santa” una guerra doveva necessariamente essere combattuta sotto le insegne di un qualche sponsor divino: un Essere Assoluto, di caso in caso definito Onnipotente, Giusto, Buono o Misericordioso.

Ora, non che io mi intenda in maniera particolare di Esseri Divini, ma mi vien fatto di pensare che qualcuno che ama farsi definire Buono e Misericordioso, per digerire i fiumi di sangue che in Suo nome vengono versati, oltre che Buono e Misericordioso debba essere anche parecchio Paziente, Timido e Indifferente.

O, forse, semplicemente Distratto.

 

Guerra preventiva

“Guerra preventiva” non è un semplice osso nero: è un virtuosismo filosofico, un lemma geniale che affonda le radici nella terra (dei cimiteri), e allunga i rami nel regno della poesia. Del lirismo. Dell’Arte.

Una guerra che si fa per evitare che qualcun altro faccia la guerra a te è come voler defecare la cena prima di averla consumata, onde evitare di dover andare in bagno più tardi. E’ l’inversione perfetta del noioso rapporto causa-effetto, il sovvertimento del flusso della logica aristotelica, dadaismo puro. Cibo per la genialità. Sublime.

 

Vi sono piaciuti questi ossi neri bellico-militari? Beh, non sono finiti. Ne potete trovare qualcun altro qui.

 

Annunci

Discussione

2 pensieri su “Gli ossi neri vanno alla guerra /parte 1

  1. Guerra umanitaria anche mi piace… che ne dici?

    Mi piace

    Pubblicato da nonsolopolpette | 24 maggio 2012, 1:58 pm

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

Simply the best for your ice-mails

Patent pending

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
Nosce Sauton

"Tu mi dai consigli?" potresti dire. "Li hai già dati a te stesso, ti sei corretto? Perciò ti dedichi a correggere gli altri?" No, non sono così impudente da volere assumermi, io malato, la cura del prossimo; ma come se mi trovassi nel medesimo ospedale, ti parlo della comune malattia e divido con te le medicine. Perciò ascoltami come se parlassi con me stesso.

un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

warnoter

L‘insostenibile leggerezza dell'essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto bulbi che piangevano rugiada bicolore)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: