Italia bella

Tramandatevi queste

Nell’antichità andava di moda erigere statue.
Lo so, vi ho già stufato con quella storia dell’isola di Pasqua, ma quello era un po’ un caso limite.
Il fatto è che tutte le culture, in tutto il mondo, in tutte le epoche, hanno eretto statue – non solo i Pisquani.  E questo perchè dedicare una statua è sempre stato il sistema più esplicito e inequivocabile per esprimere il massimo riconoscimento possibile a qualcuno che si considera straordinario, superiore, indimenticabile.

Colate in bronzo, scolpite nel marmo o ricavate con il Pongo (in effetti poche, pochissime queste), le statue consegnavano ai posteri e all’eternità il tributo a qualcuno che con i suoi atti o il suo esempio ha indicato agli altri la strada da seguire.

E quindi chi erano questi personaggi così mirabolanti da volerli eternare con delle statue?  Ovviamente, dipende da cultura a cultura.

  • Per i popoli più antichi, ancora acerbi di conoscenze scientifiche ma assetati di conoscenza, erano déi e filosofi.
  • Per i popoli più agguerriti, fondatori di grandi imperi, erano condottieri e generali.
  • Per i popoli più timorati, re, papi e santi in vasta schiera.
  • Per i popoli più maturi, statisti e governanti.
  • Per i popoli più raffinati, muse, poeti ed altri artisti.
  • Per i popoli martoriati dalle guerre, vittime, martiri ed eroi.

L’usanza di erigere statue cadde nettamente in disuso nel tardo XX e nel primo XXI secolo, a parte qualche raro esempio tramandatoci da dittatori megalomani di paesi del terzo mondo.

L’Italia, naturalmente, fece eccezione.  Gli ultimi scavi hanno riportato alla luce l’opera che vedete ritratta dalla iCamera del mio iGloo proprio iEri.

Si tratta della statua di una personalità dell’epoca, una perfetta incarnazione dello zeitgeist della Repubblica del Cabaret.
Perché, come detto sopra, ai grandi personaggi del passato venivano dedicate statue quando incarnavano miti e speranze della società dell’epoca.

L’Italia degli Anni Folli eresse una statua a Manuela Arcuri.

Non perché fosse una santa, una filosofa, una scienziata, una benefattrice, una guerriera, una statista, una martire o un’artista.

Perché aveva le tette grosse.

E questo (ve lo garantisco) inquadra perfettamente il tutto.

Annunci

Discussione

Trackback/Pingback

  1. Pingback: Imbecillità monumentale « afterfindus - 3 ottobre 2012

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto lama che danzavano sputando latte e miele)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: