Italia bella

Mettere la freccia (senza essere indiani)

In un precedente ice-mail ho accennato alle cause che portano una civiltà al declino.  Nell’eccellente “Collasso”, pubblicato nei primi anni del XXI secolo, lo studioso Jared Diamond raggruppa in sole cinque categorie tutti i fattori che hanno provocato l’estinzione un numero impressionante di civiltà del passato.

Quello che viene spontaneo domandarsi, però, è: va bene capire le cause della scomparsa, ma è possibile accorgersene in tempo?

A parte le estinzioni di massa dovute a fenomeni naturali improvvisi e imprevedibili (eruzioni vulcaniche, tsunami, impatto di meteoriti, rigore non concesso ai supplementari) è possibile rendersi conto di essere in una fase di declino, ed eventualmente correggere la rotta?

 
Per nostra fortuna, la risposta è “sì”: è effettivamente possibile accorgersene, ma è di fondamentale importanza sapersi concentrare sui segnali deboli.

E’ inutile perdere tempo con i grandi indicatori: il prodotto interno lordo, la curva demografica, il reddito pro capite, le emissioni di gas serra, i tassi di produttività.  Questi indici, lo sappiamo, hanno allegramente condotto al disastro più di una civiltà.  I grandi numeri sono ciechi e possono significare tutto e il suo esatto contrario.  Quello che conta sono i piccoli scricchiolii dello scafo, le crepe microscopiche nelle pareti, le vibrazioni impercettibili che avvertono dell’imminenza del disastro.

 
L’equipe del professor P. Pallino, del Centro Ricerche Tropicali di Cervinia, ha dedicato diversi anni nel mettere a punto un modello matematico per rilevare i segnali di estinzione nascosti nelle più semplici attività quotidiane.  Dopo aver inserito nel supercomputer dell’Università milioni e milioni di informazioni relative agli ultimi anni che hanno preceduto il Periodo Buio, sono emersi limpidi come ghiaccioli i primi risultati.

Dei tanti comportamenti intrinsecamente suicidi della specie italica del primo XXI secolo, ce n’è uno che è risultato particolarmente lampante ed emblematico: non mettere la freccia in autostrada.

Mi rendo conto che questa frase possa risultare piuttosto oscura per la maggior parte dei contemporanei, e per eventuali approfondimenti rimando a testi più specialistici.  In questa sede basti ricordare che “mettere la freccia” era un atto di segnalazione fra i conducenti dei veicoli a motore.  Essendo questi veicoli particolarmente veloci, pesanti e (incredibile!) privi di qualsiasi sistema automatico di sicurezza, la “freccia” era un gesto dovuto con cui un conducente in procinto di mutare la propria direzione di marcia poteva avvertire gli altri veicoli nelle vicinanze delle sue intenzioni.

 
Oltre che un provvedimento di sicurezza e un atto di cortesia, mettere la freccia era quindi:

  • Obbligatorio per legge
  • Fondamentale per evitare la propria morte, o il proprio ferimento
  • Fondamentale per evitare la morte o il ferimento di terzi, leggasi “innocenti”
  • Perfettamente gratuito
  • Semplice, realmente alla portata di tutti
  • Assolutamente privo di qualsiasi rischio, fisico o psicologico
  • Privo anche di qualsiasi necessità di sforzo fisico.

 
Per mettere la freccia, infatti, non era necessario fare grandi sforzi. Anzi, non era richiesto neppure muovere una mano: era sufficiente infatti toccare con una falangetta una sottile leva di plastica, leggera come una farfalla anoressica.  La letteratura scientifica non riporta di alcun essere pluricellulare che abbia mai versato una sola goccia di sudore per lo sforzo di dover mettere la freccia.

 
Uno sforzo pari a zero, in cambio della prospettiva di finire su una sedia a rotelle, o sotto due metri di terra.  Parrebbe una questione risolta già in partenza.

Eppure, nell’Italia dei primi Anni Bui, tutto questo avveniva sempre più di rado.  Ecco perchè dalle indagini del professor P. Pallino questo semplice gesto è emerso come così rivelatore.  Quando all’interno di una società non si riesce nemmeno a fare un piccolo sforzo per comunicare, o per salvarsi la pelle, significa che è finita.

Non c’è più coesione sociale, le cellule dell’organismo civile sono ormai disinteressate le une alle altre.  Persino a sè stesse.

Non c’è coscienza dei più elementri rapporti di causa ed effetto, non c’è capacità (né volontà) di prevedere i prossimi dieci secondi, non c’è timore di un sistema giuridico che ti punisca, non c’è nemmeno la prospettiva di conservare la propria integrità: c’è solo il senso profondo che tanto sta tutto per andare a pezzi, che solo noi, come singoli, contiamo qualcosa, e perciò che senso ha “darsi da fare”?

 
Nelle miniere di un paio di secoli prima, uno dei principali pericoli era costituito dai gas velenosi.  Per rilevarne la presenza ed evitare di finire intossicati, i minatori si portavano dietro dei canarini.  Il sistema cardiocircolatorio di un canarino, piccolo piccolo, è ovviamente più sensibile di quello umano a concentrazioni di gas anche molto basse.  Per cui  se l’uccellino crollava improvvisamente stecchito sul fondo della gabbia, i minatori coglievano il messaggio e cambiavano galleria.

 
I telegiornali del XXI secolo raccontano che ogni tanto gli uccelli decidessero di schiantarsi al suolo spontaneamente.
Come segnale di pericolo, di sfascio imminente, quindi, probabilmente si decise di adottare la freccia.

Naturalmente, spenta.

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto lama che danzavano sputando latte e miele)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: