Italia bella

La riforma del divieto di sosta

Le riforme, oggettivamente, hanno rotto le palle.
Ai belli, ai brutti, ai grezzi, ai raffinati, agli imbecilli, e ai santi.
E anche agli alberi di Natale.

Perlomeno, hanno rotto le palle le consuete, trite riforme a cui ci ha abituato la solita, inconcludente politica: pompose nel nome, fumose nella sostanza, astruse nella lettura, dubbie nell’interpretazione, evanescenti sul piano dei risultati.

 
Ma per fortuna ci pensa Afterfindus.
Oggi qui per voi, cari concittadini, un raro esempio di riforma chiara, semplice, diretta, inequivocabile, sulla cui efficacia sono pronto a scommettere quattro o cinque etti dei miei organi interni (si sceglie alla cassa).
Una riforma che ci tocca tutti, che avrà un grande impatto sulla vita quotidiana di ognuno di noi, e che pone solide basi per la necessaria crescita del senso di responsabilità e della coscienza civile dell’intero paese.

La riforma del divieto di sosta.


giustiziere400

Qui alla Afterfindus Productions abbiamo speso parecchie notti (e parecchi euro, in amarini) per elaborarla in una forma sufficientemente esauriente e compatta.
Perché non volevamo una riforma qualsiasi. Volevamo una riforma sintetica, facile da ricordare.
Una riforma priva di ambiguità.
Una riforma che avesse in sè il rigore di un comandamento biblico e l’eleganza di un haiku giapponese.

E al tempo stesso una riforma importante, tangibile, d’impatto.
Una riforma diretta a cogliere molteplici obiettivi:

  1. città più vivibili
  2. minore inquinamento
  3. viabilità più ordinata
  4. maggior rispetto tra le persone
  5. un nuovo paradigma di educazione e di civismo.

Una riforma che, incidentalmente, costerà zero euro allo Stato, e porterà benefici, appagamento e soddisfazione a milioni di cittadini.

Per cui bando alle ciance, ed eccola qua. La straordinaria riforma del divieto di sosta.
 


Riforma del Divieto di Sosta, Titolo Primo, Articolo 1, Comma 1:

Il vandalismo sulle automobili in divieto di sosta non è reato.
Anzi.


Eccola qui.
Non è perfetta?

Rileggetela con calma. Poi iniziate a considerarne le possibilità.

Per completezza di informazione, dobbiamo sottolineare che su quell’”Anzi” c’è stato parecchio dibattito.
La riforma sarebbe già stata perfettamente funzionale anche senza. L’”Anzi” poteva quasi suonare come un di più, un vuoto incitamento, un manierismo gratuito.

 
Dopo molto dibattito, siamo però giunti alla conclusione che, grazie a questo potente avverbio, il messaggio ne esce enormemente rafforzato. Da semplice comma ad autentica, imperiosa call to action:

“Sei incappato in un’auto in divieto, cittadino?
Un maleducato deficiente pezedmerda ti ha parcheggiato davanti al portone, o sulle striscie pedonali, sulla rampa per carrozzelle, sulla ciclabile, sul marciapiede, sul parcheggio per disabili, nella corsia per ambulanze, all’imbocco dello svincolo, sull’aiuola, o in doppia, tripla o quadrupla fila?
L’animale ha forse parcheggiato in modo da bloccarti la macchina, o da portar via due parcheggi, o da mandare in tilt il traffico mentre lui/lei fa i suoi comodi?
E ti sbeffeggia, il maledetto, come se le sue doppie frecce lo autorizzassero a violare qualsiasi norma, a restringere carreggiate, a ostacolare svincoli, a imbottigliare pedoni e carrozzine?

Non è un’offesa a te, cittadino.
E’ un reato.
E’ un attentato al concetto stesso di civiltà, di vivere comune.
E quindi, cittadino, agisci. Sei membro di una società organizzata, una comunità basata sul rispetto della libertà degli altri e sull’obbedienza alle regole. Questa non è una giungla.

 
Ragion per cui prendi una chiave, un ferro, una pietra, una clava, una bottiglia di acido, un lanciafiamme, una sega, un flessibile, un bazooka, ed esprimi in modo indelebile il tuo civile dissenso.

Sfregiagli la vettura.
Graffiagliela.
Rigagliela.
Incidigliela.
Smazzolagliela.
Storgigliela.
Sbozzagliela.
Sbriciolagliela.
Massacragliela.
Disintegragliela.
Fai a lei quello che vorresti fare al suo conducente.

Libera il demanio, ovvero il Cosmo, da quella presenza violenta e prevaricatrice.
Che il tuo gesto sgombri simbolicamente la rampa per il disabile, il parcheggio per la partorienda, il passo carraio per il pensionato, la curva per il furgonato, la svolta per l’imbranato.
Che quella lamiera contorta e scorticata alzi al cielo il grido liberatorio del cittadino vessato e vendicatore.
Che il ferro dei tuoi arnesi incida in lettere incancellabili un’ode gloriosa alla catarsi e alla viabilità perennemente scorrevole, nei secoli dei secoli dei secoli. Amen.”

 

stoppid


Questo per quanto riguarda il lato emotivo della questione. Da un punto di vista prettamente politico-amministrativo, invece, i cinque obiettivi cardine della riforma (già citati) andrebbero ad assommarsi ad una quantità di benefici effetti collaterali.

La riforma contribuirà infatti ad allentare la morsa della disoccupazione, aprendo la strada a innumerevoli opportunità per carrozzieri, ricambisti, robivecchi, demolitori, e autisti di carro attrezzi.

Si prevede inoltre un contraccolpo positivo sulla sanità pubblica, con un brusco crollo dei colpiti da stress, nevrosi, depressione e ulcera cronica. Poche cose come le mazzate sulla carrozzeria di un deficiente possono sortire effetti così potentemente taumaturgici per la salute fisica e l’equilibrio mentale dell’uomo medio.

 
La riforma del divieto di sosta, insomma, accompagnerà l’intera nazione verso un radioso futuro fatto di leggi comprensibili, metropoli scorrevoli, e cittadini tranquilli, attenti e rispettosi.

E direi che non è male, per una legge lunga esattamente… la metà di un tweet.

 


NOTA DELLA REDAZIONE
divieto-di-sostaPer quanto sorprendente, gli atti consigliati in questo articolo sono considerati dalla legislazione vigente assolutamente illegali.
Fino a quando la riforma non entrerà in vigore, il danneggiamento della proprietà di anche la peggiore testa di cazzo del creato non verrà presa con umorismo da magistrati e forze dell’ordine.
Nulla di quanto sopra descritto è di conseguenza da portarsi a termine adducendo la lettura di Afterfindus a sua causa e giustificazione.

Se poi qualcuno dovesse mai decidere di cominciare ad allenarsi in anticipo al rispetto della normativa prossima ventura, cosa posso mai dirvi, siete tutti maggiorenni…
 

Annunci

Discussione

7 pensieri su “La riforma del divieto di sosta

  1. No, sul serio…cosa ti hanno fatto, dimmi tutto (ti capisco).
    Siccome anche il medico si cura curando i suoi pazienti, ecco che mi offro…

    http://www.dietepertutti.net/il-consiglio-della-domenica/

    P.S. la pipì sulla ruota è ammessa, comunque…se non ti vede nessuno…

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da dani2005dani | 7 marzo 2017, 4:52 pm
    • Cosa mi hanno fatto, dici. Ma niente, figurati.
      Fai così, scegli tu la Ragione Che Mi Piace Di Più Per Spiegare Il Perché Uno Un Bel Giorno Decida Di Scrivere Un Articolo Del Genere:

      1. La goccia n. 435.554.823.764 ha fatto traboccare il vaso.
      2. In una società di barbari egocentrici viziati autoreferenziali ignoranti, tutto conta.
      3. Da qualche parte bisogna pur cominciare.
      4. L’altra mattina mi son svegliato (oh, bella: ciao) e ho trovato l’invasor. Sul vialetto di casa.
      5. L’altra mattina mi son svegliato e avevo voglia di legiferar.
      6. Sopporto di buon grado i treni in ritardo, le vecchiette alla guida, il mal di schiena e la fiatella, ma non posso sopportare l’ignoranza e la prevaricazione.
      7. Puro esercizio stilistico.

      Di false ce n’è una sola. Le altre sono tutte giuste.
      Secondo me ci prendi.
      😉

      Liked by 1 persona

      Pubblicato da niarb | 9 marzo 2017, 11:09 am
    • Ho visto ora il link che mi consigli: ottima idea!! 🙂 🙂 🙂
      Comunque io non ho il tempo di tenere un diario (guarda la frequenza con cui bloggo…). Ho chiesto aiuto tempo fa ad alcuni amici (Giovanni, Marco, Matteo, Luca: i ragazzi del calcetto). Spero che ci pensino loro.

      Liked by 1 persona

      Pubblicato da niarb | 9 marzo 2017, 11:12 am
  2. http://www.giudiziouniversale.it/recensioni/lassassinio-come-una-delle-belle-arti

    « Se solo un uomo indulge all’omicidio, molto presto arriverà a pensare che rubare sia uno scherzo; e dal furto al bere e al non onorare le feste, e da questi alla maleducazione e alla pigrizia, il passo è breve. »

    Thomas De Quincey

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da dani2005dani | 8 marzo 2017, 11:11 am
    • Spettacolare la citazione, e tutto il post linkato!
      Andatevelo a leggere, tutti quanti. È una magnifica occasione per andare a vedere una cosa bella senza dover prendere la macchina, che poi la lasciate in mezzo ai piedi e a me tocca rigarvela.

      (Ah, ho dimenticato una causale: “8. Ho finito le chiavi vecchie da smerigliare senza paura che dopo non funzionino più.”)

      Liked by 1 persona

      Pubblicato da niarb | 9 marzo 2017, 11:24 am
  3. Tu posti poco…io ho proprio smesso…tempo poco e arrivo a casa che alle 21.30 mio marito mi alza le palpebre per vedere se ci sono…quindi ABUSO del tuo bellissimo e dolcissimo blog. Io adoro i pinguini e il freddo. E spero nell’era glaciale, dove gli stronzi prevaricatori che ti hanno fatto GIUSTAMENTE incazzare a morte, si congelino all’istante, sbriciolandosi assieme alle proprie nefandezze…
    Sai, ogni tanto mi sovviene la frase seguente:
    “Il giorno che piovevano cervelli, tenevi l’ombrello aperto?”

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da dani2005dani | 9 marzo 2017, 11:42 am
    • Io quella frase credo sia un po’ ottimistica. Il giorno che piovevano i cervelli, c’erano in TV la finale del Grande Fratello, del gioco dei pacchi, della Champions, l’ultima puntata di almeno sei serie su adolescenti tormentate, adolescenti con superpoteri, o adolescenti allupati (scegli a piacere), e uno speciale su tutto il meglio di RealTV senza (troppe) pubblicità.
      C’era in giro pochissima gente.

      E anche quelli che non erano in casa, ma andavano in giro parcheggiando da stronzi, essendo ben chiusi nei loro abitacoli, della Grande Pioggia non hanno approfittato.

      Questo spiega parecchie cose.

      Mi piace

      Pubblicato da niarb | 15 marzo 2017, 3:40 pm

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

"L'attualità tra virgolette"

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto donne che cucivano le bocche dei soldati)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: