Mappamondo

Briscolone Trump e le abitudini sessuali dei castori di fiume

C’è chi dice che su Afterfindus si parli di tutto. Beh, non è vero.

Non abbiamo mai parlato di numismatica, per esempio, né di Coppa Uefa. Non abbiamo mai dato consigli su come evitare che le tegole del tetto volino via durante un temporale, né spiegato come evitare che il fuoribordo di un motoscafo vada in cavitazione. Non abbiamo approfondito i retroscena del clamoroso divorzio di Brad Pitt e Lara Croft, né discettato sull’indubbio potere tautmaturgico dei cristalli dicroici. Non abbiamo mai parlato delle abitudini sessuali dei castori di fiume, infine, né abbiamo mai pubblicato la recensione di un best-seller.

Ebbene, oggi vogliamo abbattere anche questa barriera.

Ma ehi, alt, fermi un passo! Frenate l’entusiasmo. Purtroppo per voi, non è ancora giunto il giorno in cui mi deciderò a rivelare le inebrianti abitudini sessuali dei castori di fiume (e mi spiace se qualcuno aveva cominciato a sperarci). Oggi vorrei invece infrangere il tabù successivo, e lanciarmi quindi nella insulsa recensione di un famoso best-seller.

Si tratta nientemeno che de “I confratelli“, appassionante legal thriller sfornato dal noto sfornatore di best-seller John Grisham.

briscola Trump-full

Nel romanzo si racconta di come il capo della CIA, insieme a una nutrita schiera di industriali americani, sia molto preoccupato dal fatto che il budget delle spese militari statunitensi stia drasticamente calando, anno dopo anno. Poche guerre, poche armi, poca distruzione, poca produzione. E’ la crisi, bellezza.

Il suddetto capo della CIA, allora, che è un vecchio volpone, a poche settimane dalle elezioni presidenziali si fa venire un’idea geniale. Decide di inventarsi a tavolino un nuovo candidato alla Casa Bianca. Un candidato che supporti in modo martellante la sua visione paranoica e guerrafondaia dell’America.

Tra un elenco di papabili, sceglie quindi uno sconosciuto senatore, fondamentalmente in base alla sua telegenicità. Ha un bel tono di voce, un bel taglio di capelli (notate bene), quindi è perfetto per fare il presidente.

 
[Nota a margine: negli USA abbiamo visto presidenti neri, ne vedremo di donne, e prima o poi di latini e di gay. Ma per un calvo, fidatevi di un calvo, c’è ancora un bel po’ da aspettare.]
 

Il senatore Pinco Pallo viene quindi reclutato dalla CIA, buttato tra le braccia di spin-doctors, consulenti di immagine, sarti di grido e registi cinematografici, e in breve tempo il suo faccione è su tutte le TV americane a seminare odio e profetizzare sventure.

Il senatore, ligio alle istruzioni ricevute, si mette a spaventare con metodo l’opinione pubblica, parlando ossessivamente di terrorismo, tuonando contro gli stati canaglia, vaneggiando minacce alla sicurezza nazionale, farneticando di muri, impronte digitali, campi di contenimento e limitazione delle libertà costituzionali.

Per evitare che il popolo americano lo smascheri per il contapalle che è, il perfido capo della CIA organizza la messa in onda, in continuo, di scene terrificanti di offensive mediorientali, campi di detenzione, decapitazione di ostaggi, incendi di villaggi e pozzi petroliferi, guerriglieri trionfanti e donne piangenti – scene spaventose e coinvolgenti, girate però non in teatri di guerra in giro per il mondo ma in teatri di posa intorno alle colline di Hollywood.

 
Per conferire un tocco di realismo finale, infine, il capo della CIA coordina addirittura un attentato (con un sacco di morti) all’ambasciata americana in Egitto, e organizza l’esplosione di svariate altre bombe a danno di propri connazionali in diverse parti del mondo. Qualche bara avvolta nella bandiera fa miracoli, in campagna elettorale.

La strategia funziona. Il senatore Pinco Pallo, da illustre sconosciuto, in poche settimane balza in testa ai sondaggi per la presidenza. Il popolo americano, terrorizzato dalla crudeltà dei nemici della democrazia, riconosce finalmente in lui l’unico uomo forte che può davvero difendere gli Stati Uniti e proteggere le loro vite.

 
briscola-trump-2-zoom
 

Poi succedono altre cose, che non c’entrano niente con questa faccenda della campagna elettorale, solo che, porca vacca, è un libro del 2000, l’ho letto un sacco di tempo fa, e in questo momento poi non mi ricordo neanche se stasera ceno a casa o no, e se devo portare qualcosa. Maledetto Alzheimer.
A volte questi vuoti di memoria mi capitano, se sono stanco, o se è tardi, o se piove.

Niente, proprio non mi ricordo. Portate pazienza. Comunque sono abbastanza sicuro che non succedesse niente di interessante, da lì in poi: il tizio è coinvolto in uno scandalo del menga, e la sua avventura finisce lì.
Ma comunque non era questo il punto. Il punto era tutto quello che capitava prima, e questo ve l’ho detto.

Solo che in questo preciso momento, solo, davanti alla tastiera, con questo mal di testa, porcogiuda non mi capacito proprio del perché mai mi sia venuto in mente di tirar fuori questa storia.
E proprio a un paio di giorni dalle elezioni presidenziali negli Stati Uniti d’America.

Boh.
Va’ te a capire.

 
definizioni

Annunci

Discussione

5 pensieri su “Briscolone Trump e le abitudini sessuali dei castori di fiume

  1. Bravi, avanti così. Non leggetemi. Non datemi retta. Non cacatemi.
    Quasi quasi la smetto di avvertirvi sempre…

    Mi piace

    Pubblicato da niarb | 9 novembre 2016, 11:01 am
  2. Socchiusi gli occhi sul prato come vacca
    rumino disteso accoccolato nel divano
    mi vedo come un satrapo dentro la fusoliera
    conto le odalische e mi sovvengono cipolle
    e dei veli da togliere per giungere alla gemma
    ricordo come una volta ogni decollo mi faceva
    sentire come un pari dell’Olimpo un Apollo
    ora dalla noia solo il chiasso della folla
    mi distrae e dalla cupa sentenza dell’anagrafe
    gonzi mi verrebbe tutti da insultarvi
    neanche pesci tonti avrebbero abboccato
    alla messinscena nemmeno a carnevale
    avete preso il mio cognome scritto cubitale
    per bandiera da condottiero sventolata
    in marcia trionfale verso un Eldorado
    ora siedo in trono m’inquieta questo scettro
    se m’inciampo e sbatto il capo in cenere
    potrei ordinare vengano ridotte terre siberiane
    oddio la caffettiera bastarda m’ha fregato
    mi toccherà anche il tinello ripulire
    ma un quarto d’ora celebre son stato
    temo la notte e i sogni che contiene
    li affronterò da prode cavaliere
    fino ad oggi mai sconfitto.

    Un saluto!

    Marco Sclarands

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da marco | 10 novembre 2016, 2:03 pm
  3. …un quarto d’ora? Mi sa che sei parecchio ottimista, sommo Vate.
    Comunque sei veramente un grande. Bellissima l’immagine delle odalische cipolline, e del satrapo nella fusoliera.
    E da domani magliette per tutti, con i versi:

    gonzi, mi verrebbe tutti da insultarvi
    neanche pesci tonti avrebbero abboccato

     

    Mai fuori moda. Tranquillamente utilizzabili per elezioni USA, Brexit, o referendum costituzionali.
    E chissà cos’altro.

    Mi piace

    Pubblicato da niarb | 15 novembre 2016, 1:39 pm
  4. Si gioca a briscola, ma mi se che era meglio scopone visto che lo prendono tutti in culo.

    Liked by 1 persona

    Pubblicato da irregolare | 16 novembre 2016, 5:35 pm
    • Immagine potente, poffarbacco. 🙂
      Sotto questa luce, quindi, sarebbe probabilmente più opportuno parlare non di Briscolone ma di Clisterone, o Suppostone . Un coraggioso passaggio dal paradigma delle traduzioni quello delle onomatopee (“Vieni Pierino, vieni, che la mamma ti mette il suppostone!” “No! No! Il suppostone no!” Trrrrrump! “Aaaarghhh!”).

      Comunque, caro Irregolare, adesso voglio proprio vedere cosa succederà. Se ce la prenderemo davvero in asinus, come stanno cercando di convincerci da un pezzo, o se invece ce la prenderemo, almeno in parte, in ridere.

      Nonostante le opposte profezie, infatti, all’atto dell’elezione dell'<homo improbabilis le borse mondiali si sono immediatamente sganciate dal catastrofismo imperante e sono schizzate alle stelle, mentre il termometro delle tensioni nucleari USA-URSS si è velocemente raffreddato. I sondaggisti hanno chiuso la bocca e i tronfi opinionisti di mezzo mondo hanno ingollato il boccone amaro.
      Poteva andare peggio.

      E ora mettiamoci comodi, e godiamoci (ignavi come sempre) il novello TrumpMan Show

      Liked by 1 persona

      Pubblicato da niarb | 17 novembre 2016, 9:05 am

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

"L'attualità tra virgolette"

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto donne che cucivano le bocche dei soldati)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: