Italia bella

La lettera di dimissioni del Vecchio

“Romanzo criminale” racconta la storia della Banda della Magliana.  Che è una storia molto più complicata di quello che si potrebbe pensare, perché è una storia 100% italiana.

Non è la storia di una semplice banda di ladri, assassini, o terroristi.  E’ la storia di una organizzazione criminale incredibilmente complessa, potente, e pervasiva.  E’ una storia in cui si intrecciano attori e interessi tra i più variegati, anche se in fondo sempre i soliti.  Ci sono di mezzo le organizzazioni criminali tradizionali (cosa nostra, camorra, ‘ndrangheta), ma anche terroristi di destra, massoni piduisti, esponenti del mondo della politica, servizi segreti deviati e, naturalmente, il Vaticano.


E’ al limite dell’umano cercare di venire a capo, da soli, dell’inestricabile groviglio di responsabilità e collusioni che hanno insanguinato il Bel Paese negli anni ’70 e ’80 della vecchia datazione.  Ma, per fortuna, ci sono sempre gli eroi.  Perlomeno, nella narrativa.

 
E così in “Romanzo criminale” si narra di come un bel giorno il commissario Scialoja, il Davide di turno che si oppone a questo immenso e multiforme Golia, dopo anni di indagini si trovi finalmente faccia a faccia con un uomo che sembra saperla lunga.

E’ “il Vecchio”, un misterioso funzionario dei servizi segreti che pare sbucare dal nulla ogni volta che si verifica qualcosa di particolarmente efferato ad opera della banda.

 
Scialoja minaccia di arresto il Vecchio e gli intima di confessare la sua vera identità.  E il Vecchio risponde (nel video, dal minuto 3’50” in poi).

 

“Glielo dirò io chi sono, prima che lei raccolga stupide maldicenze. 
Sono un servitore dello Stato.
Per ragioni di servizio mi misuro con il Male.  Come lei, d’altronde.

Vede, i segnali che raccolgo da un po’ di tempo a questa parte mi dicono che molto presto tutto finirà.
La divisione del mondo, il muro di Berlino, alla cui ombra sono invecchiato, presenta crepe sempre più evidenti, e molto presto verrà giù, trascinando sotto le sue macerie la classe politica di [degli ultimi] cinquant’anni.
Io me ne andrò, un minuto prima del terremoto.
Ma non si incomodi con le sue indagini per spazzarmi via.
Ci penserà la Storia.”

 

Poco tempo dopo il Muro di Berlino crolla davvero, mentre gli ultimi membri della banda si ammazzano tra loro, o vengono uccisi.

 
Il Vecchio, naturalmente mai arrestato, spegne la lampada del suo studio, e si ritira in silenzio (nel video, dal minuto 11’00” in poi).  Sulla scrivania lascia un appunto:

“Questa è la mia lettera di dimissioni dal Servizio.
Esco di scena in punta di piedi, senza far rumore.
Nel tempo che verrà non ci sarà bisogno di gente come me, perchè non ci sarà più nessuna democrazia da salvare, ma solo interessi privati, lotte per più potere, più denaro.

I pochi fascicoli che porto con me riguardano gli uomini che dovranno salvarsi dal diluvio.  Persone spesso ignobili, anime nere, capitani di ventura.
Eppure, come già altre volte nella Storia, saranno loro a governare il Caos.”

 
Un secondo più tardi, nasceva la Seconda Repubblica.
 
Ispirato dal film “Romanzo criminale” di Michele Placido, 2005, e dall’omonimo romanzo di Giancarlo De Cataldo, 2002.
 

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su , su   o passa direttamente a casa.

sponsor del sito

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche Sito Gold Sito d'argento 50000 punti ottenuti 10000 punti ottenuti In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046
I libri degli altri

l'editing come stile di vita

THE GOLDEN BIG VALLEY

IL NUDO INTEGRALE DELL'ANIMA

EdnaModeblog

Ho sempre avuto il sospetto che l'amicizia venga sopravvalutata. come gli studi universitari, la morte o avere il cazzo lungo. noi esseri umani esaltiamo i luoghi comuni per sfuggire alla scarsa originalità della nostra vita. (Trueba)

PAROLE LORO

«L'attualità tra virgolette»

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

warnoter

L‘ insostenibile leggerezza dell' essere ignoranti .

NOAR

Wildsoul

kyleweatwenyen

Come un angelo da collezione.

Buseca ن!

Novelle dalla pianura che non deve essere nominata

alessiacamera

London-based Digital Strategist & Startup Consultant

alicenelpaesedellimpossibile

Quanto dura un'attimo??a volte l'eternità

Soffio di respiri

Viola, 23 anni, studentessa, incosciente, innocente. Bovarista deleteria. Racconto di me, chi sono, cosa penso, sbaglio e rattoppo!

La dama distratta

Diario del giorno dopo

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Pinocchio non c'è più

Per liberi pensatori e pensatori liberi

A Step Ahead 1.7 Beta

Smile to pain!

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Eterogenesi dei fini

Prolegomeni alla scrittura

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

FIFM

Fatevi I Fatti Miei

alcuni aneddoti dal mio futuro

da grande voglio fare lo scrittore americano

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

SCRITTI di PAPAGENA

Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato George Orwell 1984

ilblogdibarbara

fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza

Tra realtà e fantasia

la realtà supera spesso la fantasia

Shock Anafilattico

Gatti non foste a viver come bruti

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

micasulserio

"Amo molto parlare di niente. È l'unico argomento di cui so tutto."

erodaria

laboratorio di leggerezza

Taccuino all Idrogeno

Prove tecniche di narrativa e altre amenità

Sincronicità

Le coincidenze non esistono

12mq

di cactus e altri esperimenti

cor-pus 15

sogna la vita, mentre la vivi, intatta.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Spunti da asporto

(ho visto lama che danzavano sputando latte e miele)

NIENTE PANICO

procedete guardinghi perché non conoscete il vero volto delle cose che vi circondano

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: