Ossi Neri

Armi non letali (buona questa, eh?)

L’ho già detto. Gli ossi neri (od ossimori, come li chiama qualcuno) mi affascinano come poche altre cose. Sono tra i reperti più curiosi dei secoli passati, e ad ogni giro di picchiotrivella ne spuntano fuori sempre di nuovi.

Ho già parlato degli ossi neri più clamorosi usati nella vita quotidiana del XXI secolo (qui), e dei rocamboleschi ossi neri del gergo militare (qui, qui e qui). E proprio a questa categoria, oggi, non posso esimermi dall’aggiungere un nuovo esemplare, particolarmente spettacolare: le armi non letali.

Questi ossi neri, per la verità, fanno un po’ razza per conto proprio. Perché, di primo acchito, potrebbe sfuggire la loro natura ossimorica. Dopotutto, moltissimi oggetti che non sono stati concepiti per essere armi possono essere usati per far del male, fino a uccidere. Per esempio un martello, un coltello o un ombrello.

E prima che a qualcuno venga in mente di chiedermelo NO, la rima in “ello” non è un requisito fondamentale.
Anche se, ora che ci penso, rientrano nella categoria anche il chiavistello, il matterello e il culatello (dubbi? provate a mangiarne a chili, e vedrete).

Tutt’altra cosa sono invece le armi non letali vere, cioè quegli ordigni costruiti appositamente da qualche mente malata in modo da non essere necessariamente mortali. Lo so, è un concetto di fronte al quale la mente vacilla. Eppure, credetemi, sono reali. Nei secoli XX e XXI si sviluppò un fiorentissimo mercato di questi strumenti surreali per assassini dal cuore tenero. Oggetti concepiti, studiati, prodotti e acquistati per fare solo un po’ di male, ma non troppo. Questo sì che è un raffinato ossimoro – oppure, se preferite, una forma di ipocrisia particolarmente odiosa.

Oggi ve ne propongo tre.

 
03FiiFAQ-Active-Denial-System-image-01L’Active Denial System, o ADS. E’ il classico “raggio della morte”, tanto caro agli amanti della fantascienza dagli anni ’40 in poi. Un cannoncino montato al centro di un parabolone, che quando colpisce provoca l’insopportabile sensazione di andare a fuoco. Tutto sembra bruciare: occhi, pelle, capelli, organi interni. Se vi è mai capitato di chiudere per errore il gatto nel forno a microonde, potete chiedere a lui.

I costruttori dicono che l’arma non è realmente pericolosa, perché una volta colpiti basta allontanarsene velocemente. Certo che se quel pirlaccione che ne viene colpito dovesse essere bloccato, incastrato, legato, rinchiuso, ferito, claudicante, o magari semplicemente anziano… beh, allora sarebbero tutti cavoli suoi.

Se volete farvi quattro grasse risate, potete andarvi a leggere il panegirico dell’ADS che fa il Dipartimento di Stato americano, a questo indirizzo. Ci sono anche i risultati dei test su cavie umane, assolutamente da non perdere. Oppure, se siete di palato raffinato, potete andare alla fonte e leggervi la scheda tecnica pubblicata da un noto ente benefico privato, la Global Security Organization. Se la lettura dovesse scaldarvi i lombi, a quell’indirizzo potete anche iscrivervi alla loro delicata newsletter. Se poi avete in programma delle serate in compagnia ma ormai sapete a memoria tutte le risposte del Trivial Pursuit, potete scorrazzare su YouTube per gustarvi i video dimostrativi di militari scimuniti che si fanno ADSare per dimostrare che “non fa niente”. Dovete vedere le loro facce. Davvero da morire (in tutti i sensi).

 
Altro oggettino pregevole è il Proiettile ad Energia Pulsante, per gli amici PEP. Anche questo è un cannoncino, che spara però un raggio di plasma. Per “plasma” si intende in questa sede non quel liquido giallognolo componente naturale del nostro sangue. Si intende una radiazione laser che, a contatto con il bersaglio, fa crescere talmente tanto la temperatura superficiale da provocare la formazione di un grumo appunto di plasma. Il plasma esplode, e fa volar via il soggetto come in un cartone animato di Hanna & Barbera.

Ma non basta: la microesplosione genera anche l’emissione di una radiazione elettromagnetica che (guarda tu i casi della vita) ha esattamente la lunghezza d’onda giusta per interagire con il sistema nervoso centrale. E quindi trasmette la sensazione di essere contemporaneamente bruciati, congelati, spaccati a metà, trafitti da mille aghi, maciullati, divorati, sciolti nell’acido, e di avere nei pantaloni una sfilza di centravanti che si allenano a tirar rigori assestando raffiche di calci nelle balle.

Anche qui, non dovete fidarmi di me. Alla Global Security (http://www.globalsecurity.org/military/systems/ground/pep.htm) sono molto più precisi. Estrapolo dalla loro recensione una sola frase: “The good news is that it works”, “la buona notizia è che funziona”. La cattiva notizia è che non scherzano.

 
l 051101-F-0000S-012

 
Infine, il PHaSR. Già il nome sembra una presa in giro – ve lo ricordate il “phaser”, l’arma di ordinanza del Comandante Kirk e della sua truppa nei telefilm di “Star Trek”?

Beh, quella era fantascienza. Questa invece è una cosa vera. Rispetto al phaser di Star Trek, questo ha una “e” in meno, ma in compenso un look molto più ridicolo (vedi foto). Il nome significa Personnel Halting and Stimulation Response rifle – “fucile che ferma la gente e stimola una risposta”. Mah. Una specie di Socrate incazzato, quindi.

Per dirla in modo tecnicamente accurato, il PHaSR è una pistolona sovradimensionata che spara un raggio laser con lunghezza d’onda studiata appositamente per mandare in tilt il nervo ottico e, di lì (già che c’è), il sistema nervoso tout-court. In pratica, acceca e rimbecillisce allo stesso tempo, come afferma con entusiasmo il sito dell’Aviazione Militare americana.

Per amor di puntiglio, questa chicchina sarebbe proibita da un trattato internazionale del 1995 sull’uso di armi laser accecanti (questo, ma di fatto è stata prodotta (e venduta, e usata) ben oltre quella data, e senza eccessivi patemi. Anzi, se volete comprarne una, andate qui e ve la vedrete consegnata in appena otto settimane, direttamente a casa vostra.

Uno dei tanti interrogativi che circondano questo tipo di armi è legato al fatto che sono tarate in fabbrica per accecare e mandare in stato di shock i nemici, che in linea di massima sono soldatoni grossi e robusti. Ma cosa succederebbe se dovessero essere usate contro bersagli normali, tipo donne, anziani e bambini? Mah, ci terremo il dubbio.

O forse no: l’arma è in dotazione alle squadre antisommossa della polizia degli Stati Uniti.
Auguri a voi, amici yankee.

L’elenco delle armi non letali non termina affatto qua. L’ingegno umano è davvero portentoso, quando si tratta di concepire idiozie. In particolare, idiozie pericolose.

Ma per oggi mi fermo qui, perché mi rendo conto che sto guardando le mie matite, il cavo del mouse e il tagliaunghie con occhi nuovi.

E quindi, non fatemi arrabbiare.

 
Seconda puntata: Armi non letali 2: il delirio colpisce ancora

About these ads

Discussione

21 pensieri su “Armi non letali (buona questa, eh?)

  1. Ciao. Bel blog. Già aggiunto nel mio blog roll.
    Per commentare allego un link…

    http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2012/05/giochi-di-guerra-nel-belpaese.html

    Mi piace

    Pubblicato da Daniela | 16/05/2012, 9:50 am
    • Grazie Daniela, e benvenuta! Ho appena dato un’occhiata in corsa al tuo link e già fiuto sinergie interessanti! Purtroppo display e tastiera del telefonino, che sto usando in questo istante, vanno decisamente oltre le mie possibilità… A più tardi!

      Mi piace

      Pubblicato da Niarb | 16/05/2012, 4:01 pm
  2. Dovresti aggiungere anche che buona parte delle armi del mondo (non so quelle citate da te) sono prodotte quassù, nella neutrale e pacifica Svezia.
    Ovviamente, però, trattandasi di produzione locale, le armi svedesi sono ecologiche, biodegradabili, närproducerat e rispettose dei diritti umani e della parità uomo-donna

    Mi piace

    Pubblicato da gattovi | 16/05/2012, 12:06 pm
    • Che meraviglia, la Svezia. Sempre tre spanne avanti.
      Comunque il concetto di arma ecologica, biodegradabile e socially correct mi ha colpito come un sacco di cetrioli in mezzo al deserto: totalmente di sorpresa. Adesso che hai scagliato il sasso, però, non nascondere la mano… e spiegaci!! :-)

      Mi piace

      Pubblicato da Niarb | 16/05/2012, 4:08 pm
      • Il mio commento grondava sarcasmo :-)

        Mi piace

        Pubblicato da gattovi | 16/05/2012, 5:49 pm
        • Ma che sarcasmo e sarcasmo! Il tuo è uno spunto geniale, altro che. Apriamo ufficialmente un tavolo di lavoro per sviluppare il concetto di armi ecologiche, biodegradabili, a chilometri zero e non sessiste. Ci sono idee, là fuori?

          Mi piace

          Pubblicato da Niarb | 17/05/2012, 12:49 am
      • Il tiraballe Haarpbylla è un mini fucile termopsicobiodermochakratonico che agisce sulla psiche inconsapevole di una qualsiasi femmina di primate a tiro d’occhio di un primate maschio (Haarpbylla 2.4 anceh su gruppi, ma la raffica consente di intercettare fino a 100 femmine in 4,2 secondi con un effetto a cascata entusiasmante).

        Il fucile è completamente in humus pressato per l’impugnatura e ricavato da fusione di rifiuti europei (no tasse importazione! no made in China!) per le parti più massicce, per la parte dell’intelligenza si serve di una rete neurale di mosche guidate da una versione GPL3 di findux – stabilito per legge che esse non provano dolore e non sono coscienti di sé – e se si rendesse necessario un “chi io? io non ne sapevo niente, ero solo da queste parti a curiosare ma mi pare abbiate ragione voi, sono dalla vostra, abbasso i tiranni!!” è compostabile al 100%.

        L’effetto di una sgrillettata di Haarpbylla è quello di far immediatamente accorrere la primate in questione verso IL primate individuato (l’arma non è precisa ma come tutte le altre va usata contro la folla inerme di presunti sediziosi) e farle stringere le gonadi del malcapitato fissandolo intensamente mentre lei pensa che lui le abbia recato un’offesa sul genere “sei ingrassata molto di panza e hai la cellulite attorno alle borse degli occhi specialmente mentre hai vestiti che ti invecchiano”. L’effetto è direttamente proporzionale alla quantità di persone (sediziosi) presenti. Haarpbylla è democratico: qualsiasi femmina stringerà con forza un qualsiasi maschio a caso.

        Haarpbylla è assolutamente non-letale ed efficace: ogni coppia stretto-stringente viene bloccata fino a che il pensiero di odio evapora dal soggetto stringente. Haarpbylla è anti-incriminante: mai più problemi con i dir… dir… um… non so. Con le rotture! Chi ha fatto male a chi? Lei! Io non c’entro! Ve l’avevo detto che le donne devono stare a casa a fare la calzetta eh. Io? No, io non ho detto niente. E’ stato lui, stringi forte!!!

        Haarpbylla è quindi socially-proof: incentiva i già cordiali rapporti tra i sessi e rispetta le quote rosa al 100% con un rapporto stretto-stringente di 1:1 o al massimo in certi soggetti i 1:2 (uno per mano).

        Mi piace

        Pubblicato da cavallogolooso | 18/06/2012, 11:42 am
  3. zio ferguson! Hai già elencato quelle che volevo segnalarti. “Ottimo lavoro!” – mi è piaciuta molto quella di Socrate incazzato! ^___________^ eventualmente tieni d’occhio punto-informatico.it che di tanto in tanto segnala questo genere di chicche. Se tu nei hai altre, oltre all’articolo n.2, procedi per favore con l’articolo 3 e 4 ecc ecc

    Mi piace

    Pubblicato da cavallogolooso | 18/06/2012, 11:20 am
    • :-) :-) :-)
      “Il tiraballe Haarpbylla”: ehi, abbiamo un talento qui!
      Stanco di far fotocopie nella tua stanzetta al ministero? :-) (citazione difficile)
      Bene, bene. Allora alla fine queste armacce fetenti un effetto collaterale positivo ce l’hanno: stimolano la creatività. Cavallogolooso, prima vai a registrare il marchio “haarpbylla” perché ne vale la pena, poi vieni a trovarmi. C’è sempre tanto spazio, nella mia stanzetta imbottita…

      Mi piace

      Pubblicato da Niarb | 19/06/2012, 11:23 pm
      • ti cedo tutti i diritti … sono arrugginito assai, più ti leggo e più mi viene il sorriso furbetto.
        I miei neuroni si seccano al sole del lavoro-di-merda.

        Quindi felice di aver contribuito, il marchio è tutto tuo, te lo cedo gratis! approfitta!

        Mi piace

        Pubblicato da cavallogolooso | 20/06/2012, 4:50 pm
  4. Annuncio speciale: solo su questo sito, e per le prossime 48 ore soltanto, potrete ordinare il vostro Haarpbylla in esclusiva confezione regalo! Completo di tracolla, batterie di ricambio, cavo di alimentazione Car-omnifit, e custodia subacquea. Per i primi 10 acquirenti, incisione delle iniziali gratuita.
    Procedete al bonifico, e cliccate il pulsante “acquista” sul retro di questa pagina.
    Affrettatevi! Le scorte sono limitate!

    Mi piace

    Pubblicato da Niarb | 21/06/2012, 1:31 am
  5. a me i pazzi piacciono tanto, ma proprio tanto…;)
    gli avidi insensato meno, ma molto meno…>

    Mi piace

    Pubblicato da dani2005dani | 21/06/2012, 10:31 am
    • “Mi sono buttata a corpo morto sue due svedesi…UNA SEDIA E UN DIVANO…”

      Urca. E loro come hanno reagito? Ti hanno denunciato all’ombudsman di competenza o si sono lasciati andare, magari pure scontati?

      Mi piace

      Pubblicato da Niarb | 29/06/2012, 6:07 pm

Orsù, lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dappertutto!

Vieni a trovarci su   e su Faccialibro

sponsor del sito

comunicato importante

Su queste pagine compaiono a volte annunci pubblicitari. Gli annunci vengono scelti autonomamente dallo staff di Wordpress, e NON da Afterfindus.
 
La redazione di Afterfindus non ha alcuna possibilità di intervenire sul loro numero, la posizione, le dimensioni e il contenuto.
E, quello che è peggio, non ci tira su neanche un ghello.
Speriamo che non esagerino...
classifiche In classifica siti web

Blog che seguo (scelti a rotazione da Wordpress)

afterfindus addosso: the sciop

23586754-109467046

gli ultimi articoli che mi sono piaciuti

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

Lo scrittore impenitente di Federico Calafati

I miei racconti vi daranno un pugno nello stomaco, preparatevi!

Ventuno su 21

Un VERO progetto di perfezionamento dell'uomo, mica le fregnacce giapponesi.

pensieri diretti

Sei un involucro del tuo DNA.

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

meunexpected

"...ma se,senza lasciarsi affascinare, il tuo occhio sa tuffarsi negli abissi,leggimi e impara ad amarmi!"

ilnotiziabile

tutto ciò che fa notizia

La riserva di Pedro

Il ritorno all'essenziale

Beni Culturali 3.0

Promuovere Tutelare Valorizzare

la Polirica

La scelta è sempre tra una peretta gigante e un panino alla merda, fin dall' inizio del mondo la partita si è sempre giocata tra una peretta gigante e un panino alla merda, solo loro hanno la faccia tosta per fare politica!

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

VETROCOLATO

I MIEI PENSIERI SONO DI VETRO COLATO, NON CI STANNO PIÙ CHIUSI IN UN CASSETTO

Rem tene, verba sequentur. O anche no?

ci penso dopo. [Il club delle disfunzionali]

ourexcelsior

"essere o non essere"

Jackson e la Struttura - Romanzo a puntate

Un'America cosi' fittizia da essere reale

BarneyPanofsky

A Totally Unnecessary Blog

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

[La culla come un romanzo russo]

- diario minimo di vita mocciosa -

i discutibili

perpetual beta

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

settembreblog

Lost in A FlashForward

amo il web, non ricambiato

Aneddoti e piccoli incidenti del mondo digitale italiano.

Sull'orlo di una crisi di nervi

Di eroi ne abbiamo piene le tasche, ora ci servono i santi.

iCalamari

narrazioni

Nel mio mestiere o arte scontrosa

Questo è un blog nonviolento: se non siete d'accordo con i contenuti per favore menatevi da soli

noisuXeroi

loading a new life .... please wait....loading...

Lo Spirito Del Tempo

La difficoltà non sta nel credere alle nuove idee ma nel rifuggire dalle vecchie

Rimedio-Evo

Cronache dal disgelo

Cronache dal disgelo

Haldeyde's graffiti

Cronache dal disgelo

L'angolo del Doc

Nihil difficile amanti

Bricolage

Appunt'attenti di un acuta osservatrice

FarOVale

Hearts on Earth

Cor-pus

perché vivere la vita se basta sognarla?

Amù

Art Moves the World

There's no Explosions here

Perchè è la perdita, la misura dell'amore?

Il Blog di "Cascine e stalle"

Rileggiamo la storia del territorio alpino e del suo utilizzo

Le news di PONTEROSSO

Un Blog per discutere di storia, letteratura, arte e politiche ambientali dei governi . DAL GLOBALE AL LOCALE.

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

Some1elsenotme

in touch with some reality/ beyond the gilded cage

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: